CAMERA DI COMMERCIO, L’UNIONE FA LA FORZA

In occaisone della Giornata della Trasprarenza 2018, gli Enti Camerali di Biella e Vercelli hanno presentato i risultati di due anni di accorpamento in vista di quello con Novara e Verbano Cusio Ossola previsto nel 2019.

Sono stati presentati questa mattina i risultati delle attività 2018 della CCIAA di Biella e Vercelli nell’ambito della Giornata della trasparenza, istituita per legge per tutte le amministrazioni pubbliche. Per l’occasione, il Presidente Alessandro Ciccioni, e il Segretario Generale Gianpiero Masera, hanno stilato un bilancio dei due anni di accorpamento tra gli enti di Biella e Vercelli, formalizzato il 6 giugno 2016, in vista di quello con Novara e Verbano-Cusio-Ossola che dovrebbe tramutarsi in realtà all’inizio del 2019.

“Siamo ormai in dirittura d’arrivo – ha spiegato Ciccioni – per quanto riguarda la nascita della Camera di Commercio di quadrante Biella-Vercelli-Novara-Verbano Cusio Ossola. Un ente che, come numero di aziende iscritte al Registro Imprese, è seconda solo a Torino. Come dimostrano i datii, non è una banalità dire che l’unione fa la forza: una dimensione più ampia, se sapremo concordare modi di lavoro e obiettivi in armonia, è portatrice di benefici per la crescita dei territori, che da sempre è il ‘core business’ delle CCIAA”.

Il Segretario Generale Gianpiero Masera ha sottolineato che all’accorpamento tra Biella e Vercelli si è accompagnata anche una ridefinizione delle funzioni prevista dalla normativa nazionale. “Le direttrici fondamentali dell’azione camerale in questi due anni sono stati la digitalizzazione, l’alternanza scuola-lavoro, l’internazionalizzazione e lo sviluppo dei sistemi turistici. In due anni, abbiamo messo in campo fondi superiori al milione di euro su questi capitoli di spesa, con bandi per contributi diretti alle aziende e progetti mirati alla crescita delle competenze, della consapevolezza e degli strumenti concreti utilizzabili da tutti gli attori coinvolti nelle diverse iniziative. Abbiamo lavorato sodo e, se posso permettermi di dirlo, bene. Sono fiducioso che anche col nuovo assetto ci si ano le condizioni per fare altrettanto”.

Per quanto riguarda la digitalizzazione, va segnalata l’istituzione del Punto Impresa Digitale, previsto dal piano nazionale Impresa 4.0, che ha offerto oltre 300 consulenze a micro, piccole e medie aziende biellesi e vercellesi sull’opportunità di implementare nuove tecnologie digitali.

Riguardo all’alternanza scuola-lavoro, sono stati emessi due bandi che hanno riconosciuto (e continuano a farlo) voucher a fondo perduto per ogni percorso di alternanza realizzato dalle aziende. Il Registro nazionale è finalmente decollato, con 360 aziende biellesi e vercellesi iscritte che significano quasi 1.300 possibilità di stage in base alla normativa.

I progetti compresi alla voce “valorizzazione dei territori” vanno dal marchio di qualità “Ospitalità Italiana” per le strutture ricettive e di ristorazione all’osservatorio sul turismo, dal Valsesia 365 al progetto Dedica e molto altro ancora.

Sul fronte internazionalizzazione, invece, è partito da pochi mesi il progetto SEI – Sostegno all’export dell’Italia, che prevede un nutrito pacchetto formativo diretto alle aziende che vogliono affacciarsi ai mercati esteri, che va a completare i Progetti Integrati di Filiera della Regione Piemonte e che vedono le Camere di Commercio e il Centro Estero del Piemonte come partner principali per la realizzazione delle azioni previste.

Tag:, ,

Comments are closed.