Nerd e Geek non significano la stessa cosa: ecco le differenze

di | Dicembre 23, 2020

Negli ultimi vent’anni, la società si è evoluta in modo frenetico. Con l’avvento di internet e delle nuove tecnologie il mondo intero ha subito importanti trasformazioni. Grazie ad internet la società ha avuto modo di collegarsi a culture molto diverse ed entrare in contatto con i loro usi e costumi.

Questi sono alcuni degli elementi alla base della nascita della cultura nerd e geek.

Questi due termini, che come vedremo hanno significati completamente diversi, sono oggi entrati a far parte del nostro vocabolario quotidiano. Chiunque di noi conosce qualche nerd e qualunque gruppo di amici ha almeno un persona che si identifica come geek al suo interno. Con il tempo, però, si è un po’ abusato l’utilizzo di questi termini e l’ignoranza con cui venivano usati ha portato a creare molta confusione riguardo il loro vero significato.

Ancora oggi è difficile capire chi è veramente un geek e chi, invece, sia un nerd, termine molto più utilizzato.

Significato di geek

Per aiutarci a comprenderne le sfaccettature di questo termine abbiamo spulciato il sito ConteaGeek.it, un portale che ha raccontato il significato di geek in modo molto preciso.

Partiamo con la pronuncia, spesso sbagliato. Geek, infatti, si pronuncia “/ɡiːk/”, quindi con la G dura. Il suo significato è: “Una persona che nutre un forte interesse in un campo specifico o che è interessato ad un hobby non usuale.” Con questo termine, quindi, si identificano quelle persona che nutrono un grande interesse il quale spesso sfocia in una ossessione.

La parola geek non si riferisce unicamente ad interessi legati al mondo della tecnologia, dell’informatica o dei videogiochi. Si può usare questo termine per un appassionato di treni, di libri, di pipe, di fumetti e chi più ne ha più ne metta.

Non esiste alcuna traduzione “ufficiale” e il termine italiano che più si adatta a rappresentarne il significato è “ossessionato”.

Significato di nerd

Il termine nerd si è iniziato ad utilizzare fin dal 1950. Gli studenti americani, infatti, lo inserirono nel proprio slang per identificare una persona priva di abilità sociali, spesso emarginata, la quale o nutriva grandi interessi per l’informatica o gli scacchi oppure passava gran parte del tempo a studiare, ottenendo voti alti.

Ad aumentare in modo esponenziale il suo utilizzo è stata la serie televisiva Happy Days, andata in onda negli anni ’70, e nella quale il termine nerd veniva utilizzato di frequente per indicare i secchioni. Per circa cinquant’anni si è utilizzata questa parola per offendere o schernire individui privi di amici interessati più all’informatica che alla vita reale.

Ancora oggi, infatti, vengono definiti nerd quelli che in italiano chiameremmo “smanettoni”, ma anche i secchioni e, più impropriamente, gli sfigati.

Già più difficile, invece, è ricercarne l’etimologia ufficiale. Le teorie più riconosciute sono due:

  • che il termine derivi da nert, alterazione di nut che significa stupido o idiota;
  • che il termine derivi da knurd, ubriaco all’indietro, proprio per indicare persone poco socievoli e poco propense a fare festa.

Differenze attuali fra nerd e geek

La più grande differenza fra i due termini è la connotazione che hanno. Nerd, infatti, viene spesso utilizzato con una valenza negativa e viene affibbiato da altri. Generalmente sono persone esterne a identificare qualcuno come nerd mentre i geek si autoidentificano come tali, essendo orgogliosi della propria passione e del livello di conoscenza che hanno del loro interesse.

Negli ultimi anni, però, il significato reale di queste due parole è stato sdoganato ed è frequente che vengano usati come sinonimi. Molte persone, infatti, hanno iniziato a identificarsi come nerd, spesso in modo errato. Questo ha portato a creare una grande confusione.

Oggi, quindi, si usa il termine nerd in modo tutto sommato positivo per identificare qualcuno appassionato di informatica e tecnologia, mentre si utilizza il termine geek per indicare qualcuno con una forte passione in un altro campo.