Frese e Fresatrici: il risultato dipende dalla scelta

di | Giugno 23, 2021

Ogni artigiano o operaio, che ha a che fare con realizzazioni di rifinitura che utilizzano i vari materiali, hanno spesso in dotazione tra i vari utensili, che portano con se nella loro borsa, vari modelli di frese per il legno.

Una fresa consiste in un utensile, che collegato ad una macchina elettrica, garantisce la possibilità di levigare, a nostro piacimento, qualsiasi superficie, in modo da ottenere quello che è l’effetto da noi desiderato.

Le frese in linea generale, possono lavorare anche i materiali più ostici e resistenti, come alcuni metalli o addirittura il diamante, fino ad arrivare a materiali decisamente più comuni, come il legno.

Frese per il legno

Appunto parlando del legno, sono state realizzate delle vere e proprie frese adattate. Queste sono particolarmente agevoli da utilizzare e anche da installare.In alcuni casi, possono essere impiegati dei trapani elettrici, ai quali viene addizionata una fresa per la lavorazione di una superficie legnosa od un oggetto realizzato in legno.

Queste frese, possono anche essere installate su alcune macchine definite come pantografo CNC (Computer Numeric Control), cioè una macchina collegata ad un computer che ne controlla i movimenti secondo un programma prestabilito.

Come scegliere la fresa corretta

Dopo aver brevemente introdotto il concetto di fresa ed aver dato una prima idea di cosa possa essere, cerchiamo di inquadrare in modo specifico le motivazioni e i consigli adatti all’acquisto della giusta fresa.

La prima cosa da prendere in considerazione quando si compra una fresa per piallare, è scegliere un vero e proprio kit. Bisogna capire che non esiste una fresa universale che magicamente sia in grado di trasformare il nostro primordiale pezzo di legno in un opera d’arte. Esistono invece dei kit assortiti con varie punte e varie frese, che utilizzate insieme, ci garantiscono un risultato soddisfacente (ponendo sempre, che la bravura dell’artigiano, deve essere messa al vertice).

Nel caso in cui l’artigiano necessiti per esempio di un’attrezzo notevolmente preciso, la scelta cadrà su un modello di frese peculiare, come le frese per spianare.

Le frese per spianare, vengono impiegate soprattutto nei casi dove l’operatore richiede la realizzazione di un piano di lavoro estremamente liscio. L’architettura con la quale sono realizzate, permette di lavorare il legno in modo veloce, ma soprattutto preciso e realizzare piani perfettamente puliti dal punto di vista estetico o al massimo ultimabili con l’utilizzo di un foglio di carta vetrata.

Caratteristiche Principali da considerare per l’acquisto

Oltre alle caratteristiche citate in precedenza, concludiamo dando dei consigli di natura pratica che potrebbero risultare molto semplicistici, ma che spesso vengono trascurati durante l’acquisto.

Oltre all’acquisto di un kit assortito di frese, dovremmo anche dedicarci all’acquisto della giusta fresatrice, cioè la macchina sulla quale le frese vengono spesso installate.
Nel comperare la fresatrice più adatta alle nostre esigenze, si sconsiglia il ricorso a prodotti di bassa manifattura. In commercio vi sono diversi modelli, alcuni più cari di altri, molto valevoli su ogni punto di vista.

Fare ricorso a marche prestigiose, è consigliabile per avere un prodotto valido. Da tenere in considerazione anche il materiale ed il progetto che si vorrebbe ottenere.

Per la lavorazione di materiali pregiati, vengono usate delle fresatrici con delle lame più sottili e meticolose, mentre per materiali che necessitano di una lavorazione grossolana o per progetti che non richiedono molta attenzione, si preferisce ricorrere a fresatrici che lasciano a desiderare per la precisione, in cambio di una maggiore potenza.

In parole povere, quindi, per acquistare una fresatrice, bisogna tenere in considerazione la potenza con la quale lavora (da 500 w a 800 w), la velocità con la quale lavora (che può raggiungere le 22000 rotazioni al minuto), la profondità del taglio (che varia da 40 a 65 millimetri), il diametro delle pinze ( da 6 a 8 millimetri) e il peso dell’articolo (in genere da 2 a 4 kg)

In conclusione, se si è un operatore specializzato, un artigiano di vecchio stampo o semplicemente se ci si vuole affacciare al mondo della lavorazione del legno, conoscere quelle che sono le caratteristiche degli utensili principali, è fondamentale e non dovrebbe essere mai trascurato.

Le fresatrici per il legno, essendo spesso utensili di primo ordine, dovrebbero essere scelte con meticolosità dall’acquirente, in base ai suoi livelli di esperienza e anche in base all’opera da realizzare. Stesso discorso è valido anche per le frese. Informarsi bene prima di fare un acquisto potrebbe aiutarvi ad avere maggiori soddisfazioni nelle vostre realizzazioni.