GILBER GAGLIANICO, SE VUOI RIMANERE IN ALTO DEVI AVERE CORAGGIO

Alice Frascarolo e compagne giocheranno davanti al pubblico amico contro la Pallavolo Scurato Novara.

La sconfitta al tie-break subita settimana scorsa contro El Gall non ha cambiato più di tanto la classifica della Gilber Gaglianico che però ha avuto la riprova, se ancora ce ne fosse bisogno, che la compagine di Alba ha tutte le carte in regola per farsi sotto e provare a spodestare le biellesi dalla zona playoff.
Per dimenticare in fretta quella sconfitta Gaglianico è pronta a un nuovo test casalingo. Infatti sabato sera alla palestra di Piazza Avignone arriverà la Pallavolo Scurato Novara, team che occupa una posizione traballante in classifica a soli 4 punti dalla zona retrocessione, un avversario che dunque ha assoluto bisogno di fare risultato anche in trasferta.
Una partita che non sarà per nulla semplice per la Gilber, lo sa bene anche coach Stefano Toniolo: “Sarà molto difficile. Il loro tipo di volley punta molto sul muro ed è molto speculativo al nostro. Dovremo essere efficaci a servizio e avere il coraggio di giocare la nostra pallavolo senza intimorirsi al primo errore”.
La gara contro El Gall ha portato note positive e altre meno: “E’ stata una prestazione da luci e ombre. Alcune ragazze hanno fatto bene giocando con la giusta sfacciataggine, mentre altre hanno avuto timore. Abbiamo dato coraggio a una squadra giovane ma forte che ha saputo approfittarne. Un peccato perchè eravamo avanti 2-1, ma era difficile riuscire a cambiare la nostra prestazione per via della nostra ansia. Se vogliamo rimanere in alto dobbiamo avere coraggio e in settimana ci abbiamo lavorato molto cercando di cambiare anche qualcosa nelle rotazioni”.
La settimana di lavoro ha visto qualche problema per le ragazze biancoblu: “Abbiamo avuto problemi con le palleggiatrici. Santoro è stata ferma per una forma influenzale, ma ci sarà, Masserano è rimasta a riposo precauzionale per un dolore alla caviglia. Anche qualche altra ragazza ha avuto l’influenza, ma conto di recuperarle per questo incontro”.
Stefano Villa
Tag:, , , , ,

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*