La Tecnologia a scuola, tablet e telefonini per sostituire i libri

di | Aprile 2, 2021

La tecnologia sta rivoluzionando la scuola ed ecco che al posto dei libri potrebbero subentrare tablet e telefonini. In attesa che venga messo in atto il processo di informatizzazione scolastica in Italia, sono molti gli studenti  e insegnanti che già usano le app sui cellulari al posto del materiale scolastico. Ci sono anche alcune scuole che hanno permesso agli studenti di utilizzare i propri dispositivi durante le ore di lezione.

Grazie alla rete anche il rapporto con gli insegnanti ha subìto un notevole cambiamento e sembra che alcune barriere siano state del tutto eliminate, e hanno lasciato il posto ad una comunicazione molto spesso più confidenziale e anche più semplice. I contatti tra docenti e alunni tramite email, su Skype o sui social media sono sempre più frequenti.

Tutto questo sembra dover portare prima o poi ad una informatizzazione globale della scuola, anche se molti dubbi permangono. La domanda principale che sorge spontanea è la seguente: ma è davvero possibile che tutto ciò diventi realtà in un paese dove non tutti gli istituti scolastici ad oggi sono in grado di garantire pc e internet? Se parliamo di vantaggi la risposta è sì, perché con i device mobili è possibile studiare ovunque e reperire rapidamente tutte le informazioni.

Ovviamente non è un passaggio che si verificherà a breve, anche perché occorrono investimenti mirati e corposi per dotare tutte le scuole dei dispositivi necessari, ma nel frattempo possiamo capire meglio quali sono le aspettative che può riservare l’informatizzazione scolastica.  Scopriamo allora quali sono tutti i vantaggi di usare tablet e telefonini a scuola.

Perché usare i device mobili al posto dei libri

Seguire una lezione su un cellulare o un tablet sembra sia molto più produttiva che seguirla in modo tradizionale. Seguire in rete le lezioni apporta infatti dei vantaggi non indifferenti, a cominciare dal fatto che con le classi dotate di lavagne digitali, e i tablet per gli studenti, le scuole possono trasformarsi in network veri e propri, allo stesso modo di come accade in molti lavori di nuova generazione. Per questo fine sono stati studiati tablet per studenti e insegnanti dal costo economico e con ottime performance nelle applicazioni dedicate all’e-learning, delle recensioni e classifiche dei migliori tablet è stato realizzato da consigliopro.it a cui segue un interessante approdondimento sull’argomento.

Un esempio banale per capire come può funzionare sono i compiti, che in questo modo possono essere visualizzati direttamente su ogni dispositivo, e non c’è più alcun bisogno di riportarli nei diari. Tutti sono connessi nello stesso momento e quindi la classe diventa un hub d’apprendimento interattivo.

Un altro vantaggio è dato dalla presenza di un sito per ogni classe. Grazie ad esso gli studenti hanno sempre a disposizione tutte le informazioni che hanno perso o per disattenzione o perché erano assenti. La facilità e la rapidità di reperire le informazioni necessarie per studiare e avere tutto subito a portata di mano è un altro enorme vantaggio che eliminerebbe la disorganizzazione, aspetto molto comune nelle scuole italiane.

Non bisogna dimenticare anche l’impatto ambientale, che proprio per l’introduzione dei device permetterebbe di eliminare totalmente il cartaceo, consistente in libri, quaderni e tonnellate di fotocopie che vanno a finire inevitabilmente nella spazzatura o nella differenziata.

Per non parlare del peso ridotto che porterebbero gli studenti a scuola, corrispondente ad un tablet, o magari il telefonino, decisamente inferiore a quello di libri e quaderni spesso introdotti a fatica nello zaino.

Tutti i vantaggi di tablet e telefonini a scuola

Nell’attesa che possa avvenire un cambio di passo radicale nella scuola italiana, nel frattempo si può incentivare l’uso di tablet e telefonini per tranne moltissimi vantaggi, come:

  • Avere a disposizione i dizionari di inglese, spagnolo, francese e tedesco, ovvero le lingue più studiate nelle scuole, semplicemente installando sul dispositivo un’app che consente di fare la traduzione istantanea.
  • Ripassare in maniera rapida una materia o determinanti argomenti prima di sostenere una interrogazione, di fare un esame, spesso affiancando il web ai libri di testo.
  • Usare la calcolatrice del telefono al posto di quella tradizionale permette di accelerare lo svolgimento di problemi ed esercizi, ma ovviamente non durante le verifiche in classe.

Come abbiamo visto, i vantaggi dell’uso di tablet e telefonini per studiare sono tanti, tuttavia ad oggi non tutti i docenti sono favorevoli al loro utilizzo in classe. Infatti, anche se tanti docenti si sono pronunciati a favore, resta alta la percentuale dei professori che non tollera l’utilizzo dei device mobili durante le ore di lezione. Alcuni professori, invece, non approvano l’uso prolungato dei dispositivi in classe, mentre alcuni studenti ammettono di utilizzarli di nascosto.

Insomma, la questione è abbastanza complicata e nonostante i vantaggi di questi dispositivi c’è ancora molta reticenza nei loro riguardi e i docenti non ritengono utile usufruire della tecnologia in questo modo. 

Tuttavia, oltre alle opinioni personali, si deve tenere conto soprattutto di cosa accadrà nella scuola fra qualche anno. Infatti, se verrà avviato il processo di informatizzazione gli studenti e i professori potranno usufruire di tutti gli strumenti multimediali che fornirà la scuola stessa.