AUMENTATI GLI INTERVENTI DEL SOCCORSO ALPINO

Aumentano le persone che praticano sci alpinismo e ciaspole. Bilancio in crescita ma non dettati dall’incoscienza.

Dodici interventi eseguiti, 14 persone soccorse e 6 soccorsi sanitari su persone infortunate. Questo è il bilancio dei primi 3 mesi di attività dei volontari del Soccorso Alpino di Biella. Un numero decisamente superiore rispetto agli altri anni che però, contrariamente a quanto si possa pensare, non è dettato da una maggiore incoscienza dei frequentatori della montagna.

“L’aumento dei nostri interventi è riconducibile ad un numero sempre maggiore di persone che in inverno pratica sci alpinismo e ciaspolate, in estate invece frequenta percorsi e sentieri di alta montagna – spiega il delegato del Soccorso Alpino biellese Claudio Negro -. Ci siamo resi conto che però, queste abitudini non sempre vanno di pari passo ad un’adeguata e corretta conoscenza dell’ambiente montano”.

Ed infatti, a fronte dei 12 interventi eseguiti nel primi 3 mesi del 2018, nello spesso periodo dello scorso anno gli interventi erano stati 8, 6 le persone soccorse e 2 le volte in cui è stato necessario un soccorso sanitario.

Numeri in crescita anche a livello generale: nel 2017 gli interventi eseguiti dal Soccorso Alpino di Biella erano stati 47, erano state soccorse 67 persone ed effettuati 26 interventi sanitari su persone infortunate (3 erano stati i decessi). L’anno precedente invece erano stati registrati 55 interventi con 52 persone soccorse e 26 interventi sanitari (5 decessi).

Tag:, , ,

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*