‘VISUMSE’ : PER NON DIMENTICARE

Sono passati tanti anni e ora i loro nomi si rivolgono ai passanti distratti, da una targa all’angolo di una strada o dai bordi di una piazza. Sono incisi su una pietra o sulla plastica, sconosciuti alla
popolazione; pochi ormai sanno chi erano, per che cosa hanno lottato, in che modo e da chi siano stati uccisi.
La curiosità di sapere qualcosa di loro riguarda pochi cittadini. Ai più attenti spesso manca il tempo di approfondire, di dare un volto ed una storia a quel nome che si sta sbiadendo per la pioggia o il sole. E’ molto più facile, per la nostra pigrizia intellettuale, collocare quei nomi in un pantheon immaginario dove sicuramente meritano di stare, anonimi da morti come lo sono stati da vivi; in tal modo si mantengono nell’ignoranza fatti e frammenti di storia in grado di trasmetterci ancora valori e scelte di vita che ci potrebbero sostenere oggi.
Per riportare all’attualità il loro tentativo di rendere migliore il mondo è stata ideata e realizzata la serie di eventi “Visumse!” nata dalla collaborazione fra il Tavolo della Memoria che si è costituito all’interno del Coordinamento antifascista biellese e l’ANPI. Il titolo, traducibile dal dialetto in “Ricordiamoci!”, non vuole essere un imperativo categorico, ma semmai un vocativo atto a richiamare l’attenzione su alcuni personaggi (quattro per quest’anno, altri seguiranno) della Resistenza e dell’Antifascismo, perché siano una lezione di storia e di umanità.

Il primo appuntamento è domenica 5 maggio alle ore 17 presso il giardino di Palazzo Gromo Losa al Piazzo: dedicata alla figura di Guido Mentegazzi, la performance dal titolo “Da Villa Schneider a via Mentegazzi: l’ultimo viaggio di Guido” sarà curata da Anna Jacassi di TamTam Teatro Vercelli.

A.G.

Tag:, ,

Comments are closed.