VERONICA CRIDA, UN BRONZO CON PERSONALE NEI 60HS

I campionati italiani Allieve indoor si chiudono con la seconda medaglia per l’ugibina. Benino per Lorenzo Pusceddu nei Salti e per la staffetta dell’Atletica Stronese di Capobianco, Costa. Selva Bonino e Menchini.

Seconda giornata e altri titoli in palio nei campionati italiani indoor di atletica categoria Allieve.  Apriamo subito con le parole di Veronica Crida che in questi tricolori ha conquistato la bellezza di due medaglie, un argento ieri nel Salto in Lungo e un bronzo oggi nei 60 hs. “Sono migliorata di due decimi dallo scorso anno -commenta l’ugibina- e del personale ottenuto oggi nei 60 hs. Sono molto contenta per le due due medaglie. Anche lo scorso  anno ero tornata a casa con lo stesso risultato ma oggi è migliore perché sono arrivata ad Ancona  più carica e preparata. Il futuro? L’obiettivo per i 100 hs è quello di scendere sotto i 14” mentre nel lungo vorrei migliorarmi ulteriormente”.

Ecco in sintesi i migliori risultati ottenuti dai biellesi.

60 HS. Ancora una finale per Veronica Crida (Ugb) nei 60hs. Dopo la prima batteria passata con un modesto tempo di 8”99, la semifinale vede protagonista l’ugibina con un tempo di 8”68 vicinissimo al suo personale, solo 2 centesimi sopra per una finale conquistata e in partenza dalla corsia numero 4. La finale è come preannunciata una battaglia dalla quale spunta una fantastica Veronica Besana (Atl. Lecco) in 8”30 poi il fotofinish con Elena Carraro (Brixia) 8”62 davanti a      alla medaglia di bronzo e primato personale Veronica Crida (Ugb) con 8’64 in condominio con Larissa Iapichino (Atl. Firenze). Un miglioramento di due decimi nel giro di un anno. Cosa non da poco per la 17enne biellese che ora insieme alla sua compagna di banco a scuola, Rebecca Menchini si confermano due delle migliori atlete del panorama italiano.

SALTO IN LUNGO E TRIPLO MASCHILE. Peccato per Lorenzo Pusceddu nel Salto in Lungo, con 7,00 m. chiude a 5 centimetri dal podio nella gara vinta da una “vecchia” conoscenza del biellese, il chivassese compagno di team Davide Favro con 7,28 m. Secondo a Luca Ciavone (Atl. Isernia) 7,17. Due nulli nei tre salti finali penalizzano il biellese tesserato per l’Atletica Canavesana che chiude quarto dietro a Ion Soltan (Brixia Atletica) 7,05 m. Nel Triplo Pusceddu non è entrato in gara nei primi tre salti di qualificazione e niente finale per il biellese dell’Atletica Canavesana. Si ferma a 13,62 a 6 centimetri dalla finale. Forse una piccola delusione ma dobbiamo tener contro che il giovane atleta si cimenta in questa specialità solo da pochi tempo e per lui solo due gare all’attivo. Ha tutto il tempo per rifarsi.

STAFFETTA 4 X 1 GIRO. Nonostante una buonissima gara dell’Atletica Stronese con Arianna Capobianco in prima frazione, Valery Costa in seconda, Ines Selva Bonino in terza e la campionessa italiana sui 60m Rebecca Menchini in ultima, non è arrivata quest’anno una medaglia. Nell’edizione del fantastico record italiano dell’Atletica Lecco in 1’41”95, le biellesi chiudono al settimo posto in 1’44”68.

Fulvio Feraboli

Tag:, , ,