VERCELLOTTI UNCEM DALLA PARTE CELLA MONTAGNA

“Negli ultimi dieci anni Uncem è sempre stata proiettata nella costruzione di nuove proposte e strategie per lo sviluppo delle aree montane, cercando elementi per la coesione dei territori, per l’innovazione e l’inclusione. Lo ribadiamo alla fine della legislatura regionale e mentre oltre 600 Comuni montani piemontesi si preparano alle elezioni comunali. Accettiamo e rilanciamo le sfide del cambiamento. Il dialogo con tutte le forze politiche è costante e i partiti possono da noi trarre elementi per la loro azione, per gli eletti che devono esprimere le istanze dei territori in Parlamento e in Consiglio regionale”.
Lo ha detto stamani, aprendo la Conferenza Uncem Piemonte a Torino, la vicepresidente Uncem Piemonte Paola Vercellotti.
“Uncem – prosegue – ha rafforzato la sua azione istituzionale, culturale, progettuale. Uncem è un punto di riferimento in molti ambiti, non solo quello politico, ma anche è interlocutore privilegiato con mondi economici, datoriali, accademici, professionali. Questo non deve certo inorgoglirci, ma spronarci a lavorare di più. Il dialogo forte con le Istituzioni, con tutti i partiti, con tutti gli Enti locali deve crescere, assieme a formazione e capacità di essere artefici del cambiamento del territorio montano garantendone progresso e sviluppo, riorganizzazione dei servizi e crescita di benessere, pil, posti di lavoro. Lavoriamo con i Comuni, con i 600 nuovi Sindaci e 7000 nuovi amministratori comunali piemontesi che prenderanno servizio il 27 maggio. Promuoveremo corsi di formazione, occasioni di crescita, per loro e per i dirigenti e il personale degli Enti locali
Tag:,

Comments are closed.