TUTTO ESAURITO PER LO SCREENING DELLA MEMORIA

Non è passata nemmeno una settimana e tutti i posti disponibili per lo screening della memoria sono già stati prenotati. Il progetto “PieMEMOnte. Insieme per la memoria” di cui è capofila AIMA Biella è partito nel migliore dei modi, facendo emergere per altro una positiva sensibilità dei biellesi over sessantenni al tema dell’invecchiamento attivo di cui l’iniziativa è una concreta declinazione pratica. Grazie all’adesione entusiasta di quindici farmacie biellesi, lo screening potrà essere fatto vicino a casa e consisterà in un colloquio di circa una ventina di minuti con uno psicologo.

Le farmacie che partecipano sono Marinoni, dottori Domenicone, Balestrini, Masarone, Santo Stefano e San Filippo a Biella città. In provincia sono invece la Farmacia di Sandigliano, Valeggia a Sagliano Micca, Bardari a Ponderano, Ruffino a Viverone, San Raffaele e Viana a Cossato, Zantonelli a Mosso/Valdilana, Rolando e San Giuseppe a Vigliano.

Seconda fase: le attività per “allenare” la memoria Quando sarà finita la fase di screening, ai partecipanti ritenuti idonei, secondo i parametri stabiliti dal progetto, sarà data la possibilità di prendere parte, gratuitamente per tre mesi, alle attività di “allenamento” della memoria che sono offerte da AIMA Biella presso il centro incontri Mente Locale a Biella. Comunicheremo in seguito ai destinatari i dettagli e le informazioni su questa fase del progetto. “PieMEMOnte. Insieme per la memoria” è un progetto che è nato dal coordinamento delle associazioni piemontesi dei malati di Alzheimer con il supporto degli ordini professionali dei farmacisti, degli psicologi, dei medici, dei Centri Servizi Volontariato, di alcuni comuni e delle aziende sanitarie dei territori interessati. E’ finanziato con fondi europei ottenuti attraverso un bando della Regione Piemonte.

Obiettivo prevenzione La prevenzione è un fattore cruciale anche per i disturbi della memoria. Riuscire a intercettare i primi sintomi di lieve decadimento cognitivo è l’unica strada possibile per mettere in campo velocemente quelle attività di stimolazione della memoria che possono oggi aiutare le persone a invecchiare meglio. Ne sono convinte le sei organizzazioni di volontariato che, con AIMA Biella, porteranno avanti il progetto “PieMEMOnte Insieme per la memoria” nel Verbano Cusio Ossola, Vercellese, Novarese, Astigiano e Chierese. “Oggi la ricerca scientifica individua nelle attività di stimolazione attiva della memoria e nella socializzazione alcuni tra gli strumenti più importanti per rallentare il decadimento cognitivo e migliorare la qualità della vita sul lungo periodo” dichiara Franco Ferlisi, presidente di AIMA Biella. Un’altra importante ricaduta del progetto, spiega Ferlisi, è la diffusione di un nuovo approccio ai disturbi della memoria che sia improntato alla consapevolezza e a un atteggiamento pro-attivo, non più allo stigma, al disagio e alla solitudine.

Le sei associazioni coinvolte Associazione Italiana Malattia di Alzheimer (AIMA) Territoriale Biella (capofila) Associazione Alzheimer Asti onlus, Associazione Malati Alzheimer (AMA) Novara onlus, Associazione Malati Alzheimer (AMA) Chieri onlus, Associazione Vercellese Malati Alzheimer (AVMA) onlus Vercelli, Associazioni Familiari Alzheimer (AFA) onlus Verbano Cusio Ossola

Tag:, ,

Comments are closed.