TUTTI A SCUOLA DI BIRDWATCHING

Organizzato dal WWF Oasi e Aree Protette Piemontesi di Biella, che oltre al Giardino Botanico di Oropa gestisce anche la Biblioteca nella Natura al Parco Burcina, con il sostegno e la collaborazione dell’Ente di Gestione delle Aree protette del Ticino e del Lago Maggiore e di Fondazione CRB, partirà mercoledì 22 maggio prossimo alle ore 21:00 e sarà tenuto dall’ornitologo e guida ambientale escursionistica Stefano Costa.
Il Birdwatching nasce dalle culture anglosassoni, in America si utilizza il termine birding. Sempre più persone di tutte le età ogni giorno, ogni weekend e durante le loro vacanze passano del tempo nella natura in questo modo! La domanda che ci potrebbe porre è: perché tanta gente guarda gli uccelli e per esempio molto meno i mammiferi, i fiori, gli insetti…?
Ci sono alcune caratteristiche degli uccelli che hanno favorito lo sviluppo del birdwatching: intanto il loro numero : al mondo ci sono circa 10.000 specie di uccelli. La regione in cui si trova l’Europa, denominata Paleartico occidentale e che comprende oltre all’Europa, il Nord Africa e il Medioriente, ospita circa 800 specie. Di queste, circa 470 frequentano il nostro Paese come quelle nidificanti o svernanti durante l’inverno o migratori durante le migrazioni e circa 250 di queste fanno parte di quella che viene detta la “checklist”, cioè la lista degli uccelli che nidificano e si riproducono quindi nel nostro Paese.
Sono questi numeri che permettono anche ai neofiti di iniziare questa pratica anche avendo una scarsa dimestichezza nell’identificare gli uccelli, migliorando poi, giorno dopo giorno, la propria capacità a identificarli.
Un altro aspetto molto importante è che gli uccelli sono colorati: è una caratteristica che influenza moltissimo e che insieme al quella “principe”, ossia la loro capacità di volare (un fenomeno che da sempre ha affascinato l’uomo), ha fatto sì che questi animali abbiano favorito la nascita del birdwatching un po’ un tutto il mondo. Un’attività ludico/ricreativa da cui possono derivare però importanti studi e ricerche. Questo è un elemento molto importante perché dall‘osservazione di questi animali in natura possiamo trarre moltissime informazioni sullo stato degli ambienti naturali e sullo stato anche delle singole specie.

Le lezioni teoriche si terranno presso il Centro Visite della Riserva Naturale del Parco Burcina
nelle serate di mercoledì 22 maggio, 29 maggio e 12 giugno (ore 21:00).
Quest’anno si è deciso di inserire, oltre ai tre incontri che verranno effettuati presso Cascina Emilia del Parco, anche 3 uscite sul territorio che riguarderanno altrettanti ambienti tipici: si iniziarà sabato 25 maggio con l’escursione alla Palude di Calsalbeltrame, per proseguire il 1 giugno con la Riserva delle Baragge e terminare il 15 giugno ad Oropa con gli ambienti di montagna.
Per informazioni: tel. 015.2523058 – info@gboropa.it

Tag:, ,

Comments are closed.