Attualità #Cossato #Economia

ECOSSATO VALLE DEGLI ORTI UN PERCORSO DI SUCCESSO

Enrico Rossetto e Lorenzo Rosso, referenti del Comitato Ecossato Valle degli orti, avevano nelle settimane scorse coordinato una raccolta firme per indurre l’Amministrazione Comunale a stralciare dalla variante al Piano Regolatore, in fase di approvazione, una richiesta di privati volta a permettere la costruzione di un ulteriore supermercato in un’area di oltre seimila metri quadri. In pochi giorni con l’opera dei volontari del Comitato sono state raccolte quasi settecento firme. “Non tutte le firme sono di residenti in Cossato. Ma rappresentano persone che vivono, lavorano, o gravitano sulla città”. Un messaggio che, secondo i referenti, deve essere raccolto in positivo da tutte le Amministrazioni che polarizzano la socialità e la quotidianità di territori ben più ampi rispetto a quello del singolo comune.

Nel corso del recente Consiglio Comunale è stata adottata la variante ed alcuni componenti avevano evidenziato la mancata presentazione delle firme in Comune, tanto da metterne in dubbio l’esistenza. In effetti, come conferma Lorenzo Rosso, il percorso normale di una petizione ha il suo epilogo nella presentazione delle firme all’Amministrazione competente che, pur non condividendone il fine ultimo, rispetta l’iniziativa come parte di processo democratico. Il Comitato, pur soddisfatto della decisione di mantenere per ora l’area a spazio pubblico, ha rilevato che a fronte di un atteggiamento collaborativo non è stato, da parte del Comune, tenuto un atteggiamento rispettoso della volontà popolare (testualmente come riportato dagli organizzatori “poche persone che sfruttavano un onda emotiva”) . Rimane il fatto che la variante sia stata comunque stralciata per motivi puramente normativi

Il Comitato ha pertanto nel corso di una conferenza stampa espresso soddisfazione per aver raggiunto l’obiettivo prefissato e ha congelato le firme, al momento, pronta a usarle come memoria reale e condivisa qualora il progetto tornasse in auge

Attualità #Cossato

SINDACO CORRADINO: SI FERMI, ESCA DAL PALAZZO E ASCOLTI LA GENTE

Cossato in agitazione per la possibile costruzione di un nuovo supermercato. Ecco il comunicato della Valle degli Orti.

“IL SUPERMERCATO NON SERVE MA E’ L’UNICA RICHIESTA CHE ABBIAMO AVUTO IN TUTTI QUESTI ANNI”: questa è la risposta consegnata dal Sindaco Corradino alla platea e ai relatori della serata organizzata dal Comitato ECossato volta a sensibilizzare i cittadini e l’amministrazione sull’uso delle superfici destinate a uso pubblico; una risposta che racchiude la mancanza di lungimiranza e programmazione nella costruzione del futuro della città.

Cossato dispone già del doppio delle superficie di vendita rispetto alla Regione Piemonte: non è quindi vero che “ un supermercato in più o uno in meno non cambia molto”.

La replica del Sindaco alla sala in fermo dissenso (“voi potete dire quello che volete, vedrete che avrò ragione io”) non sembra volta a favorire il dialogo né la riflessione su quanto esposto ed esplicitamente richiesto.

Impresentabile infine anche la decisione di barattare lo spazio che si andrebbe a sottrarre ai cittadini (più di 6300 m2) con una serie di aree minori in un’area decentrata e meno fruibile, attigua al torrente Strona: come portare il salotto in fondo al garage di casa.

Le dichiarazioni apparentemente concilianti pronunciate dal sindaco Corradino non sopiscono lo slancio della cittadinanza determinata a opporsi alla variante, sottolineata dall’imponente raccolta firme: riteniamo che il Sindaco di una Città come Cossato debba riflettere sui segnali ricevuti e tenerne indubitabilmente conto.

Il fatto che la variante sia stata bloccata per dare il tempo agli uffici di riportare la legalità edilizia nel terreno interessato, deve quindi essere utilizzato in modo saggio dal primo cittadino per rivedere la propria posizione.

Tale rivisitazione sarebbe semplicemente considerata un atto nel rispetto della cittadinanza; non una debolezza, uno smacco, un’ umiliazione.
Molto più grave sarebbe la perseveranza nel percorrere una decisione così impopolare: la comunità ne terrebbe sicuramente conto.

Il Comitato Ecossato Valle degli Orti si aspetta una decisione savia. Sindaco Corradino: ci ascolti!

Attualità #Cossato #Sociale

NO AL CEMENTO NELL’ULTIMO POLMONE VERDE DI COSSATO, NASCE IL COMITATO VALLE DEGLI ORTI

La volontà dell’amministrazione di Cossato di permettere la costruzione di una struttura commerciale nella grande area verde a ridosso del centro città non sembra essere gradita da larga parte dei cittadini.

Ad oggi si è costituito un Comitato Spontaneo, denominato ‘VALLE DEGLI ORTI’, così chiamato perché al momento risulta occupato da diversi piccoli appezzamenti di orti gestiti da privati.
“Lo scopo è quello di sensibilizzare l’Amministrazione Comunale al rispetto del verde in una città che, per conformazione e storia, potrebbe e dovrebbe puntare a favorire il recupero di immobili esistenti inutilizzati, evitando la cementificazione selvaggia delle poche aree verdi disponibili -commentano gli organizzatori-. Il Comitato Valle Degli Orti, privo di connotazione politica, è nato dall’esigenza di proteggere l’area verde tra via Trieste e Via Matteotti, terreno sul quale la prossima Variante al Piano Regolatore consentirà la realizzazione dell’ennesimo supermercato”.
I rappresentanti del Comitato Valle Degli Orti chiederanno a giorni un incontro a Sindaco e Assessore all’urbanistica presentando istanza a rivedere le loro posizioni circa la Variante al P.R.
Il Comitato “ritiene opportuno utilizzare l’area, già adibita a Spazio Pubblico (SP), per realizzare una zona attrezzata a verde, più utile alla città di un ulteriore supermercato, e fa appello a tutti i cittadini interessati affinché partecipino all’incontro organizzato per venerdì 26 gennaio alle ore 20,30, presso la sala Eventi di Villa Ranzoni, a Cossato, dove sarà possibile confrontarsi sul tema”.
Il Comitato sarà presente in Cossato con un gazebo per una raccolta firme a salvaguardia dell’aerea verde sabato 20 dalle 9 alle 18 in piazza Chiesa e mercoledì 24 presso il mercato cittadino.