Circondario #Cronaca

SCAPPANO I SUOI DUE PITBULL CHE AZZANNANO A MORTE UN PINCHER, DENUNCIATA UNA BIELLESE

Triste vicenda in un paesino sopra Cossato.
Il fatto si è svolto a Valle San Nicolao paese dove frequentemente chi ha una casa possiede anche un cane. Il 23 agosto durante l’assenza della proprietaria una coppia di Pitbull ha divelto la rete metallica di recinzione e è uscita per le vie del paese e nei prati vicini. Durante il loro girovagare, in un boschetto vicino al centro di Valle San Nicolao, la coppia si è imbattuta in un Pincher, probabilmente anche lui scappato dalla sua proprietà. I due Pitbull si sono fiondati verso la piccola preda azzannandola. La sventurata bestiola è morta poco dopo per i traumi e morsi ricevuti. Ora la 59enne biellese proprietaria della coppia di cani è stata denunciata per omessa custodia a seguito dell’uccisione del Pincher.
f.f.

Biella #Cronaca

BIELLA, PITBULL AZZANNA AL COLLO UN BARBONCINO

Il fatto è successo ieri pomeriggio in via Tripoli.
Stava facendo una passeggiata con il proprio cane un barboncino, alle 15 di ieri,  quando all’improvviso è sbucato dal nulla un Pitbull di colore nero senza guinzaglio, in compagnia di due ragazzi e una ragazza, che ha azzannato il cane di piccola taglia. Nella colluttazione il barboncino è rimasto ferito al collo. Il proprietario, un uomo di 59 anni residente a Biella ha allertato i soccorsi. I giovani dall’apparente età di 20 anni sono scappati insieme al Pitbull e a nulla sono valse le ricerche in zona dei carabinieri. Il barboncino è stato trasportato e medicato dal veterinario. E’ doveroso sottolineare che i cani vanno sempre tenuti al guinzaglio. In questa occasione è un Pitbull ma possono capitare simili fatti anche con altre razze.

Cossatese #Cronaca

ZUFFA TRA DUE PITBULL, UN UOMO RIMANE FERITO ALLA MANO

E’ avvenuto a Lessona. Ferito alla mano un uomo.
Ieri a lessona un uomo di 61 anni residente a Cossato stava passeggiando tranquillamente un via IV novembre a Lessona in compagnia del suo Pitbull quando si è trovato di fronte un altro cane sempre della stessa razza, probabilmente scappato al legittimo proprietario. I due animali hanno iniziato la cruenta lotta tanto che i carabinieri in seguito hanno notato una macchia di sangue sull’asfalto probabilmente di uno delle due bestiole. L’uomo è rimasto ferito alla mano nel tentativo di dividere i due cani. Il cane sperso è stato poi prelevato dagli addetti del canile consortile di Cossato. Tramite il microchip si risalirà al legittimo proprietario.

Basso Biellese #Cossatese #Cronaca

AGGREDITI DA DUE CANI: DONNA PERDE UNA FALANGE, CAGNOLINO GRAVE

La 48enne ha cercato di salvare il suo amico a quattro zampe dalla furia di uno staffordshire terrier e un pitbull. Prescrizioni urgenti per i due cani da parte dell’Asl di Biella e Carabinieri.

Sfiorata la tragedia a Brusnengo, ieri alle 18,40. Passeggia tranquillamente a Brusnengo con il suo cagnolino meticcio quando da un lato della strada, all’interno di una proprietà di una donna di 36 anni, altri due cani, uno staffordshire terrier e un pitbull iniziano la loro furia. Li conosce bene perché è solita passare davanti a loro. I due animali però questa volta impazziscono, forse per il calore di uno, sbattono le zampe contro la recinzione, scavano velocemente un buco per poter uscire e rompono la rete metallica. E infatti riescono nel loro intento. Escono sulla strada e si scagliano contro il povero meticcio. Una scena orribile, guaiti del più debole, urla della signora che cerca di fermare i due cani per difendere il suo amico a quattro zampe. La donna si getta nella ‘mischia’. La lotta dura pochi interminabili minuti. Alla 48enne di Brusnengo dovrà in seguito subire l’amputazione della falange del quarto dito della mano destra (anulare, ndr) e una ferita al naso, per il suo amico meticcio la situazione è gravissima, prontamente trasportato dal veterinario in condizioni disperate. La donna tuttora è ancora ricoverata all’ospedale di Ponderano per ulteriori accertamenti. La sua prognosi parla di 30 giorni.

In mattinata intanto si sono recati a Brusnengo per il sopralluogo, una pattuglia dei carabinieri e Vittorio Lucchesi dell’Asl di Biella servizio di veterinaria. Dopo un esame attento arrivano le prescrizioni urgenti: i due cani dovranno avere sempre la museruola e in caso di uscita sempre al guinzaglio mentre la recinzione dovrà essere costruita con doppia rete metallica.