Biella #biellacronaca #Cronaca #Territorio #Valle di Mosso

CATECHISTA PEDOFILO DI VALDILANA A PROCESSO A NOVEMBRE

Andrà a processo a Novembre il catechista di Valdilana accusato di aver scattato materiale pedopornografico e quindi accusato di violenza sessuale per aver catturato in pose hard i ragazzini del suo gruppo parrocchiale.

La gravità dell’accusa, acuita dal ruolo all’interno della chiesa locale che l’uomo ricopriva, è amplificata anche dal fatto che l’uomo è alla seconda segnalazione.

Già a Trivero il catechista era stato accusato di tali nefandezze, ma ha potuto ripetersi a Mosso.

Ad aprile il catechista era stato rinviato a giudizio dal giudice delle indagini preliminari, l’altro giorno si è aperto a Biella il processo che è stato subito rinviato per procedere a unificare, appunto, i due casi.

biellacronaca #Cronaca #In primo piano

MUORE BAMBINO DI 20 MESI : IN STATO DI FERMO UN BIELLESE

‘Omicidio avvenuto in un quadro di maltrattamenti pregressi’ : queste le parole del procuratore capo di Novara Marilinda Mineccia sugli esiti dell’autopsia sul corpicino di Leonardo Russo, il bambino di venti mesi, morto giovedì pomeriggio all’ospedale Maggiore di Novara.

E’ in carcere a Novara, in stato di fermo, il compagno della madre, il biellese Nicolas Musi ed è in una struttura protetta la donna, Gaia Russo, in quanto incinta.

L’accusa per Nicolas Musi e Gaia Russo è di omicidio volontario pluriaggravato. Secondo l’autopsia, a provocare la morte del bambino, che avrebbe compiuto due anni a settembre, è stato un violento colpo all’addome.

La coppia si è giustificata con i soccorssitori del piccolo parlando di caduta accidentale, incompatibile con il tipo di compressione verificata dai soccorritori stessi fin da subito.

Rimaniamo in attesa di notizie

Attualità #biellacronaca

ELEZIONI TUTTO QUELLO CHE C’E’ DA SAPERE. COME SI VOTA

Saranno un numero variabile tra poco più di 36.500 e poco più di 37.500 gli aventi diritto al voto residenti in città chiamati alle urne nella tornata elettorale di domenica 26 maggio, quando si eleggeranno sindaco e consiglio comunale di Biella ma anche presidente e consiglio regionale e i nuovi parlamentari europei. Saranno dunque tre le schede che i cittadini riceveranno al loro seggio: grigia per le Europee, verde per le Regionali e azzurra per le Comunali. La variazione del numero (36.558 per le Europee, 37.460 per le Regionali e 37.554 per le Comunali) dipende dalle differenti modalità riservate ai cittadini dell’Unione Europea residenti a Biella e ai biellesi che vivono all’estero. Per questi ultimi, alle amministrative, il diritto al voto si esprime obbligatoriamente ritornando a casa e non nelle sezioni speciali per gli italiani all’estero come nelle politiche. Per i cittadini di un altro paese Ue – così come per gli italiani che risiedono nel territorio dell’Unione Europea – è invece aperta la scelta, che andava espressa entro febbraio, tra votare per i parlamentari della nazione d’origine oppure per quelli che si candidano in Italia.

Le 46 sezioni elettorali della città resteranno aperte dalle 7 alle 23 di domenica 26 maggio, unico giorno in cui sarà possibile votare. Presidenti di seggio e scrutatori inizieranno lo spoglio dalle Europee, per poi sospenderlo a operazioni compiute e riprendere la conta dei voti alle 14 di lunedì 27 maggio prima con le Regionali e poi con le Comunali. Sarà possibile seguire in tempo reale l’andamento dello scrutinio in città sul sito www.comune.biella.it.

Per votare è necessario recarsi al seggio con la tessera elettorale e un documento di riconoscimento valido. Oltre alla carta d’identità sono accettati documenti muniti di fotografia rilasciati da una pubblica amministrazione, come patente, passaporto, libretto di pensione, tessera di riconoscimento di un ordine professionale. Per chi avesse smarrito la tessera elettorale o avesse esaurito i 18 spazi a disposizione, l’Ufficio Elettorale di via Battistero 4 resterà aperto al pubblico venerdì 24 e sabato 25 dalle 8 alle 19 con orario continuato e domenica 26 dalle 7 alle 23. Allo stesso modo, per il solo rinnovo della carta d’identità, l’Ufficio Anagrafe sarà aperto al pubblico, al piano terra di Palazzo Oropa, dalle 8 alle 12 e dalle 14 alle 18 sia sabato 25 sia domenica 26.

Sono tredici le sezioni senza barriere architettoniche, dove gli elettori in sedia a rotelle potranno recarsi, se in possesso di un certificato medico, anche se sono iscritti alle liste elettorali di un altro seggio. Ecco l’elenco: numero 7 (scuola elementare di Vaglio, strada Cantone Nicodano e Sella 8), numero 8 (scuola elementare De Amicis, via Orfanotrofio 10), numero 13 (scuola elementare Gromo Cridis, via Marucca 2), numero 20 (Piccola casa della Divina Provvidenza, via Padre Mino 2), numero 26 (scuola elementare Collodi, via Zara 11), numero 32 (scuola elementare del Piazzo, piazza Cucco 6), numero 33 (ex consiglio di quartiere Oremo, via per Pollone 5 bis), numero 35 (scuola elementare del Vandorno, strada Barazzetto Vandorno 130), numero 37 (ex scuola elementare di Cossila San Grato, via Santuario di Oropa 149), numero 39 (ex scuola materna di Cossila San Giovanni, via Santuario di Oropa 343), numero 40 (scuola elementare di Favaro, via Rivetti 7), numero 41 (scuola elementare di Chiavazza, piazza XXV Aprile 10), numero 46 (scuola elementare di Pavignano, strada Barazza 35).

Dalle 8,30 alle 12,30 e dalle 14 alle 21 del giorno del voto i cittadini che, per recarsi alle urne, necessitano di un accompagnamento, possono avvalersi del servizio di trasporto gratuito messo a disposizione dal Comune nei seguenti orari: dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14 alle 21. Per prenotare il servizio occorre telefonare il giorno stesso delle elezioni, ai numeri di telefono 015.3507302 e 015.3507504.

Attualità #Circondario #Cronaca #In primo piano #Territorio

TRAGEDIA A BIOGLIO

Annamaria Beccaro, 77 anni, di Bioglio, non ha sopportato il dolore del tentato suicidio del figlio, Cornelio Zanarotto, 46 anni  (che si è scorparso di benzina e dato fuoco il 1 maggio ) e si è lanciata dalla finestra della casa di riposo in cui era ricoverata. Zanarotto, che soffre di disturbi psichiatrici, ha compiuto il tragico gesto perché gli era stata ritirata la patente e temeva perciò di non poter più lavorare come giardiniere per una Onlus. Nel rogo è stata incendiata anche la casa della famiglia, la quale è stata dichiarata inagibile, da qui il ricovero della donna in casa di riposo. Il 46enne è stato ricoverato al Centro Grandi ustionati del Cto di Torino e le sue condizioni sono gravissime. Alla situazione della famiglia si sono interessati i volontari del Comune di Bioglio e il sindaco Stefano Ceffa era stato nominato curatore. Annamaria Beccaro ha retto 17 giorni, poi, ieri verso le 22, si è tolta la vita.

Biella #biellacronaca #Cronaca #Economia #In primo piano #Territorio

CONDANNATO IL CORVO DELL’ASCOM. GIUSTIZIA SIA.

La lunga vicenda, passata alla piccola storia biellese come la vicenda del ‘corvo dell’Ascom’, iniziò nel 2014 quando una mano, allora anonima, inviò a centinaia di biellesi, molti dei quali commercianti, una lettera anonima in cui si attacca duramente il presidente Mario Novaretti.

L’ex dipendente di Ascom Domenico Conti, 52 anni, a distanza di 5 anni è stato condannato a un anno e sei mesi per calunnia e diffamazione, con pena sospesa, oltre al versamento di duemila euro ciascuno al presidente dell’associazione Mario Novaretti e a una dipendente, costituitisi parte civile con il legale Andrea Conz.

Nella lettera il ‘ Corvo Conti’ sosteneva una gestione truffaldina dei fondi dell’Ascom e il fatto che questa fosse stata inviata anche alle forze dell’ordine, alla Prefettura e a Confcommercio Nazionale ha fatto partire non pochi controlli verso i vertici dell’associazione dei commercianti.

Con l’aiuto di un consulente informatico gli investigatori sono risaliti lungo le autostrade digitali scoprendo che le lettere erano state inviate da quattro account creati alla bisogna e poi spedite utilizzando le connessioni wi fi non protette della macelleria De Ruvo, che Conti seguiva per conto dell’associazione e da quello dell’inquilino che abitava proprio sotto l’imputato, altre sarebbero partite addirittura direttamente dall’ufficio Ascom all’angolo tra via Torino e via Tripoli.

Insomma, inequivocabilmente non poteva che non essere stato lui ad inviarle.

‘ Finalmente si fa un po’ di giustizia – commenta Novaretti – anche perchè da quella vicenda sono partiti una serie di problemi che ci hanno limitato nel nostro lavoro, messo in cattiva luce e fatto patire molte pene. Sono stati 5 lunghi anni con questa spada di Damocle sulla testa. Ora possiamo continuare ad operare per il bene del commercio e dei nostri associati con una sentenza che rende sì giustizia, ma che sicuramente non ci ripaga delle sofferenze che abbiamo passato.’

Attualità #Commercio

50 & 50 AL FORTE DI BARD

Il Forte di Bard è stata la prima visita turistica primaverile che l’ 8 Maggio, il Consiglio direttivo di 50&più recentemente eletto, ha organizzato per i Soci, simpatizzanti ed amici. La responsabile per il Turismo Angela Cardin ha predisposto una giornata alla Fortezza , che sorge nel piccolo comune di Bard. La guida che ha accompagnato il gruppo di una trentina di partecipanti ha illustrato la lunga storia che ha vissuto la fortificazione che rivestì un ruolo fondamentale durante l’arrivo dei Francesi nel 1800, che al comando di Napoleone Bonaparte ne ritardò per due settimane il passaggio, prima di essere completamente distrutta. Il Re Carlo Felice, nel 1827 diede l’ordine che fosse ricostruita e tale rimane sino ai giorni nostri. Nel corso della visita, partendo dalla parte bassa della costruzione si è giunti all’Opera Ferdinando, mentre nella parte mediana è stata visitata l’Opera Vittorio. La parte alta è stata raggiunta lungo il tragitto pedonale sino ad arrivare alla cima, dove si ergono l’Opera di Gola e l’Opera Carlo Alberto, all’interno della quale si trova Piazza d’Armi circondata da un ampio porticato dove sono ubicate le varie mostre attuali (Fotografia naturalistica e pittorica del Guicciardino) oltre a quella permanente del Museo delle Alpi. Il percorso, sia pedonale sia a mezzo di panoramici ascensori, permette di aver un colpo d’occhio sulla Dora Baltea e sulle montagne che fanno da sfondo alla Valle d’Aosta. La giornata ha avuto, come al solito, un momento conviviale, per apprezzare le delizie gastronomiche del territorio, che sono state preparate in un caratteristico locale tipico di Arnad. La visita ad una azienda enologica ed ad un salumificio del posto ha concluso la visita. E’ stato inoltre dato l’annuncio per la prossima escursione che si svolgerà ai primi di agosto con meta Gressoney La Trinitè. Un abituale appuntamento per festeggiare il periodo delle Ferie estive.

Attualità #Cronaca

NON ACCENDETE LA IDROPULITRICE DOPO LA MEZZANOTTE

Lavorare di sera anche quando sei in un grande supermercato alle volte ha i suoi inconvenienti. Alcuni lavoratori intenti a usare una idropulitrice nell’area di carico e scarico del supermercato Esselunga hanno ricevuto la visita dei carabinieri allertati dai vicini di casa del supermercato per i rumori molesti che pervenivano dall’utilizzo dell’idropulitrice. Alcuni cittadini hanno lamentato il forte impatto acustico e i carabinieri sono pertanto intervenuti per disturbo alla quiete pubblica

Attualità #Cronaca

TRE ANNI FA AVEVA CERCATO DI UCCIDERE IL VICINO, AI DOMICILIARI ORA DEVE SCONTARE IL RESTO DELLA PENA IN CARCERE

E’ stato tradotto in carcere Hamid Sekka residente a Portula, 51 enne, legato a un fatto di cronaca risalente nel luglio 2015, in quei giorni l’uomo accecato dalla gelosia aveva cercato di investire il vicino di casa con un autovettura. Il processo che si era tenuto nel 2016 aveva concesso al reo i domiciliari, ma con una sentenza della Corte d’Appello di Torino dello scorso 23 aprile al 51enne è stato disposto il trasferimento in carcere a Biella. I carabinieri di Trivero hanno così effettuato l’arresto e trasferito l’uomo a Biella dove dovrà scontare la pensa residua di un anno 1 mese e 29 giorni per tentato omicidio, lesioni e omissione di soccorso

Cronaca #Gattinara e dintorni #Sociale #Territorio

RUBATA LA MADONNA. LA PASQUA AMARA DI ROASIO

Rubata Madonna davanti alla chiesa di Roasio San Maurizio. La statuetta asportata dal suo piedistallo davanti all’edificio nella notte di venerdì santo.

Notte  tra quelle più sentite e partecipate nell’anno liturgico, forse anche per questo il parroco nell’omelia pasquale ha avuto parole di fuoco : ‘Il furto è opera di chi è guidato dal Demonio’ ha detto.

I ladri a Roasio però venerdì notte non si sono limitati solo al furto della Madonna, ma hanno anche rotto i vetri di un’auto e ne hanno rubato autoradio e alcuni oggetti lì contenuti.

Sui fatti stanno indagando polizia e carabinieri.

A.G.

Attualità #Sport

TROFEO NEW TERPSICHORE A BIELLA

Si sono distinte le coppie dei maestri federali Cinzia Francesa Gherra e Loris Pilloni al Palazzetto dello Sport di Biella al Trofeo New Terpsichore 2019. Sono scesi in pista, aggiudicandosi la medaglia d’oro  Anna Alarcon e Rocco Magistro nella cat. 45/54 danze standard B2, liscio tradizionale, ballo da sala A2 oltre alla classe unica over 45, sul podio al primo posto anche la coppia formata da Cinzia Albione e Maurizio Ascoli per la catg.45/54 B1 liscio tradizionale e al 2°posto nelle danze standard B3. Primi nel liscio unificato catg. 55/60 B2 Nadia Cerri e Massimo Garbin, 2° nel ballo da sala, 3° nel liscio tradizionale B1 e 4° classe unica ballo da sala over 45, in classe C categ.19/34 ballo da sala e liscio tradizionale, si sono classificati al primo posto Stefania Ferrari  e Riky Mittino.