biellacronaca #Cronaca #In primo piano

MUORE BAMBINO DI 20 MESI : IN STATO DI FERMO UN BIELLESE

‘Omicidio avvenuto in un quadro di maltrattamenti pregressi’ : queste le parole del procuratore capo di Novara Marilinda Mineccia sugli esiti dell’autopsia sul corpicino di Leonardo Russo, il bambino di venti mesi, morto giovedì pomeriggio all’ospedale Maggiore di Novara.

E’ in carcere a Novara, in stato di fermo, il compagno della madre, il biellese Nicolas Musi ed è in una struttura protetta la donna, Gaia Russo, in quanto incinta.

L’accusa per Nicolas Musi e Gaia Russo è di omicidio volontario pluriaggravato. Secondo l’autopsia, a provocare la morte del bambino, che avrebbe compiuto due anni a settembre, è stato un violento colpo all’addome.

La coppia si è giustificata con i soccorssitori del piccolo parlando di caduta accidentale, incompatibile con il tipo di compressione verificata dai soccorritori stessi fin da subito.

Rimaniamo in attesa di notizie

Attualità #Cossatese #Cronaca #Territorio

DIALOGO CON ‘CHININ’ A LESSONA

Impiegato in una ditta biellese del settore caldaie Carlo Ceccon, 52 anni, residente a Occhieppo Inferiore, è appassionato di lettura e di teatro (fa parte del Teatro dello Zircone). Ed è proprio all’interno della compagnia che ha iniziato a scrivere: ‘È stato tutto un po’ casuale, ma alla fine è diventata una passione e un paio d’anni fa ho deciso di dedicarmi alla scrittura di un racconto lungo’. Così è nato «Chinin», con cui ha partecipato al concorso. «Avevo raccolto molti aneddoti sulla famiglia contadina sordevolese di mia madre e parallelamente, per mio interesse, avevo approfondito la storia locale, in particolare il periodo centrale del Novecento: vecchie tramvie, leggende locali, partigiani, case chiuse. Ho iniziato a scrivere e ne è uscita una storia dolcissima’.

Il libro narra (in una inusuale seconda persona singolare) la storia di un tredicenne. Nell’Italia del 1943, quella dei Repubblichini e dei Partigiani, il ragazzo si mette alla ricerca del padre e vive una serie di avventure, spesso aiutato da un uomo anziano, bizzarro e misterioso.

Carlo Ceccon ha vinto al concorso ‘Romanzi in cerca d’autore’, promosso da ‘Passione scrittore’ in collaborazione con il Mondadori Store.

A Lessona gli studenti della terza A raccontano il libro Chinin dialogando con l’autore Carlo venerdì 31 maggio nella scuola media alle 21.

Biella #biellacronaca #CASA ZEGNA #Cucina #Cultura #Territorio

A CASA ZEGNA SI CUCINA CON E PER I BAMBINI

I bambini? Detestano la verdura, adorano i cibi di moda, specie quelli poco sani, e in cucina è meglio se non ci mettono piede perché farebbero solo disastri e disordine. Se pensate che contro questi luoghi comuni non ci sia rimedio, forse dovreste conoscere Federica Buglioni, educatrice e scrittrice che sta dedicando la sua vita e la sua attività per smantellarli uno per uno. Incontrarla è semplice, per chi vive a Biella e dintorni o per chi ha voglia di una domenica all’ombra delle Alpi: sarà lei la protagonista di un incontro dedicato ai genitori (e gratuito) che si svolgerà a Trivero-Valdilana a Casa Zegna, la sede della Fondazione Zegna.

L’organizzazione “figlia” del marchio della moda, famoso in tutto il mondo, è scesa in campo come partner del progetto Community School, selezionato da Con i bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto alla povertà educativa minorile.

Community School è il nome del piano che a Biella e dintorni raggruppa una fitta rete di partenariato – di cui la Cooperativa Sociale Tantintenti è capofila – con l’obiettivo di ideare e applicare un piano educativo territoriale permanente per fare argine alla povertà educativa delle nuove generazioni.

Negli ultimi 20 anni il Biellese ha subìto profonde trasformazioni sul piano sociale, economico e produttivo. La scarsa consapevolezza di un necessario cambiamento nella traiettoria scuola-lavoro-società, ha reso oggi necessario un aggiornamento delle metodologie educative. Ecco perché sviluppare una strategia socio-educativa unitaria è fondamentale, così come stimolare la comunità educante, coinvolgerla e creare sinergia con tutti i soggetti coinvolti nel processo educativo.

Anche per questo, Federica Buglioni parlerà agli adulti (“Cucinare con i bambini: il potere educativo della cucina condivisa” è il titolo dell’incontro), ma ci sarà spazio anche per i bambini. Nella stessa sede ci sarà in laboratorio “Facciamo merenda” a cura del Consorzio Il Filo da Tessere.

Durante il pomeriggio verranno costruiti strumenti e arredi per giocare alla cucina e al mercato. Aiutare i bambini a scoprire i cibi, tutti i cibi, è consegnare loro un patrimonio di conoscenza e di ricchezza che altrimenti rischierebbe di andare perduto.

biellacronaca #Sport

LANA STORICO : PRONTI, PARTENZA… VIA !

Conto alla rovescia iniziato per la nona edizione del Rally Lana Storico, e delle abbinate gare di regolarità a media che, come per lo scorso anno saranno due: oltre alla consolidata “sport” anche la seconda edizione della regolarità a media con la validità per l’omonimo Campionato Nazionale.
A fare la parte del leone il rally storico che, grazie alle scelte azzeccate di Veglio 4×4 e BMT Eventi unite ad un sempre crescente consenso, lo scorso anno fu la gara del CIR che ottenne il maggior numero di adesioni e tale primato, gli organizzatori lo vogliono difendere e ribadire anche nel 2019.
In loro aiuto è arrivata proprio nelle ultime ore, anche la validità per il Trofeo Rally della prima Zona, concessa dalla Commissione Auto Storiche per sopperire all’annullamento di altro rally piemontese: come nel 2018 sarà la prima tappa ad esserne oggetto, quella che si svolgerà sabato 22 giugno permettendo così di effettuare verifiche e gara in una sola giornata a chi opterà per questa scelta; due i giorni, invece, per tutti gli altri concorrenti che correranno anche la seconda tappa di domenica 23.
Salgono così a cinque le validità del rally con quella del T.R.Z. che va a sommarsi alle consolidate per il Campionato Italiano, Trofeo A112 Abarth Yokohama, Michelin Historic Rally Cup e Memory Fornaca.
Nel frattempo è iniziato anche l’aggiornamento del sito ufficiale dove, oltre ai moduli per l’iscrizione, è possibile consultare le mappe delle due tappe e la tabella dei tempi e delle distanze. Come annunciato in precedenza, poche le novità rispetto alla gradita edizione dello scorso anno con la ripetizione delle prove e, soprattutto del finale della prima tappa da corrersi alla luce dei fari supplementari.
Termine ultimo per l’invio delle iscrizioni sarà lunedì 17 giugno 2019.

Attualità #biellacronaca #Politica

CHIUSURE DELLA CAMPAGNA ELETTORALE

Appuntamento alle ore 18 di domani, 24 maggio, con l’aperitivo di fine campagna elettorale nella sede di Via Italia, per Cluadio Corradino.

Fine della campagna elettorale per le comunali e le regionali anche per Marta Florio, con aperitivo dalle 19 al ‘13900’, locale di Via Bona 3.

Festa con Apicella che sostiene Dino Gentile, invece, dal tardo pomeriggio nella galleria adiacente via Italia con la ‘Carovana Gentile’.

biellacronaca #Cossato #Cronaca #Sociale #Società #Territorio

L’AZZARDO TI AZZERA

Incontro pubblico di presentazione del progetto ‘L’azzardo ti azzera’ lunedì 03 giugno alle ore 20.45 presso il Teatro Comunale, Piazza Tempia 20. Il programma della Serata prevede : saluto delle Autorità, presentazione del Progetto e dei risultati del questionario ai genitori, il fenomeno del Gioco d’azzardo e le recenti disposizioni di legge, proiezione del filmato realizzato con i ragazzi delle scuole superiori e al termine un dibattito conclusivo.

Attualità #Circondario #Cossatese #Salute e medicina #Sport #Territorio

200 BAMBINI PER EDO TEMPIA

La pioggia battente non ha spaventato, sabato 18 maggio, i giovanissimi calciatori attesi al festival giovanile delle attività di base della Figc provinciale. In duecento hanno bussato alla porta della palestra comunale di Valdengo, sede d’emergenza per restare all’asciutto, al posto del campo sportivo dove avrebbe dovuto svolgersi la manifestazione. E il pomeriggio è stato vivace e divertente, come dovrebbe essere lo sport per i più giovani: l’appuntamento era riservato alla categoria “Primi calci”, tra i sette e i nove anni d’età.

Prima del fischio d’inizio, i giocatori si sono presi gli applausi del pubblico sulle gradinate sfilando attorno al campo e poi posando per la foto di gruppo con le maglie che il Fondo Edo Tempia, per la prima volta partner dell’iniziativa, ha donato a ogni partecipante. Simona Tempia, presidente del Fondo, ha preso il microfono per ringraziare non solo la Figc, che ha voluto al suo fianco la onlus che da quasi quarant’anni è punto di riferimento nella prevenzione, ricerca e cura dei tumori, ma anche le famiglie dei bambini: «Fare sport è sintomo di uno stile di vita sano, per questo il vostro impegno nel passare i fine settimana tra un campo e l’altro ha un senso in più, l’educazione alla salute».

Le quindici società che hanno partecipato sono state Borgosesia, Ceversama, Chiavazzese, Città di Cossato, Dilettantistica Fc Biella, Fulgor Ronco Valdengo, Gaglianico, Gattinara, La Biellese, San Lorenzo, Torri Biellesi, Valle Elvo Occhieppese, Vigliano e Vilianensis.

Attualità #Biella #In primo piano #Sport #Territorio

25 ANNI DI PALLACANESTRO BIELLA

E’ stato reso pubblico alla stampa il programma dei festeggiamenti per i 25 anni di Pallacanestro Biella : venerdì 7 giugno, sabato 8 e domenica 9 i giorni scelti per un fine settimana non solo cestistico.

I dettagli. Si inizia venerdì alle 18.30 con la presentazione del libro ‘Parquet Rossoblù’ dedicato ai 25 anni di storia del clubm negli spazi esterni del locale Glamour di via Italia a Biella. A seguire aperitivo. Dalle 20.30 festa rossoblù nelle piazze San Giovanni Bosco e del Monte con alcuni giocatori della storia biellese e musica dal vivo e DJ set by Galileo e Walhalla.

Sabato 8 giugno : clinic tenuto dagli allenatori dei 25 anni di Pallacanestro Biella al Forum alle 10. Nel pomeriggio dalle 15.30 presso SellaLab convegno sull’evoluzione della comunicazione sportiva. Ingresso libero fino ad esaurimento posti.  Dalle 20.30 serata celebrativa presso il Biella Forum con allenatori e giocatori della storia del club. Spettacolo free style dei Da Move e allpingresso stand ADMO per diventare donatore di midollo osseo sulla scia delle notizie di cronaca che hanno recentamente visto positivo protagonista Federico Massone.

Qui l’elenco dei giocatori che interverranno è da strabuzzarsi gli occhi : Jamel Thomas
Antonio Granger , Joseph Blair , Goran Jurak , Pascal Roller, Aubrey Coleman, Albert Miralles, Pietro Aradori, Luca Infante, Luca Garri, Andrea Niccolai, Marco Venuto, Simone Berti, Simone Pierich, Tommaso Raspino, Niccolò De Vico, Marco Laganà , Giampiero Savio, Stefano Robutti
Giampaolo Zamberlan e tutta la squadra di questa stagione, esclusi gli americani.

Domenica 9 giugno nel pomeriggio dalle 13.30 tornei 3vs 3 under 16 e poi il gran finale con ol 5 vs5 dei giocatori della storia rossoblù che torneranno ad indossare panaloncini e scarpette.

Attualità #Biella #Sport #Territorio

MEMORIAL MAZZIA : RICORDARE UN UOMO, UN CAMPIONE, UN ESEMPIO

E’ dal più profondo del cuore che gli organizzatori presentano la quarta edizione del Memorial ‘Lorenzo Mazzia’, indimenticato capitano, uomo e ancor prima di tutto amico vero. Esempio e simbolo di fratellanza, nello sport e nella vita. E’ nel suo esempio che ci accingiamo a vivere emozioni ancor più grandi nel presentare l’evento che si pone l’obiettivo di coinvolgere un’intera Città nel ricordo di un ragazzo dal cuore d’oro, esemplare marito e padre di famiglia: icona di lealtà, impegno, rigore, onestà. E tanto amore nei confronti dei suoi cari e della sua seconda casa: la Biellese.

‘Per noi tutti era, è e rimarrà un fratello – scrivono nel commovente comunicato stampa gli organizzatori – ci sentiamo lusingati nel dedicare a noi stessi, agli sportivi e a tutta Biella, una giornata nel nome di Lorenzo. Il grande Lorenzo. Il nostro magnifico Lorenzo. Rivolgiamo quindi un caloroso benvenuto e un saluto a tutte le Società ed ai giovani calciatori che si sfideranno al ‘Pozzo-Lamarmora’. Ideata come sempre dalle ‘Vecchie Glorie A.S. Biellese 1902’ e dalla ‘A.S.D. La Biellese’, la manifestazione si fregia del patrocinio del Comune di Biella. Sin dalla nascita ci siamo posti l’obiettivo di renderlo un appuntamento di assoluto rilievo nel panorama calcistico giovanile. L’edizione di quest’anno vedrà affrontarsi i Giovanissimi 2005 dei più blasonati club calcistici piemontesi, con la possibilità di vivere derby che riportano alla mente i fasti dei bei tempi. Non solo. La novità dell’edizione 2019 ci fa venire i brividi ancor prima di iniziare: la Biellese Campione d’Italia 1996/97 sfiderà una Selezione bianconera All Stars. Siamo felici, quasi (anche senza quasi…) con le lacrime agli occhi nel constatare la pressochè totale adesione dei compagni di Lorenzo nella fantastica cavalcata verso il tricolore e nel gran salto tra i professionisti. Da tutta Italia nel nome di Lorenzo. Un’emozione unica, forte, vibrante. Un motivo in più per celebrare un impegno assunto per commemorare la memoria di un personaggio che, sempre a testa alta, sempre orgoglioso di indossare quei colori che per lui erano una sorta di seconda pelle, ha scritto un ventennio di storia bianconera. Parlare di Lorenzo Mazzia per la Biellese è come nominare i grandi campioni del passato, bandiere autentiche come Giacinto Facchetti per l’Inter o Gaetano Scirea per la Juve. Non solo giocatori, ma anche simboli. Modelli di riferimento e comportamento, dentro e fuori dal campo. Ricordare Lorenzo è un dovere morale per tutti quelli che hanno a cuore i colori bianconeri, siano essi giocatori di oggi e di ieri, dirigenti, allenatori, tifosi e addetti ai lavori. Un ragazzo nato e cresciuto a Biella, che arrivò alla Biellese nel 1983 dal Villaggio Lamarmora e che esordì in prima squadra nel 1984, a 16 anni (Biellese-Ivrea, Coppa Italia). Un ragazzo che lasciò Biella per qualche stagione e quando vi fece ritorno (1988) era ormai un difensore maturo, solido e affidabile.’

La sua scalata, nelle gerarchie del club e nel cuore dei tifosi, da quel momento fu progressiva, fino ad arrivare alla fascia di capitano. Un capitano che trascinò la squadra allo scudetto dilettanti nel 1997 con tanto di gol decisivo in finale contro l’Astrea Roma. Un capitano per 8 campionati consecutivi in C2, che concluse la sua carriera nel 2005, a 37 anni, dopo 557 presenze totali, record nella storia del club davanti a Gualtiero Mosca (500) e Stefano Capozucca (378). Un capitano e un grande giocatore, ma anche un uomo vero, capace di misurare con il metro del buonsenso ogni fatto della vita: una ‘chioccia’ e un maestro per i compagni più giovani, un portabandiera dello stile Biellese e un simbolo di correttezza. Per questo, onorarne la memoria è un obbligo per tutti quelli che amano il calcio e pensano che questo sport possa ancora farsi carico di quei valori etici e culturali troppe volte dimenticati o, peggio ancora, calpestati. Quei valori su cui invece Lorenzo ha costruito un’intera vita e un’intera carriera.

Attualità #Biella #Politica #Territorio

CORRADINO : INIZIAMO DA STRADE E MARCIAPIEDI

Chi si attendeva un colpo ad effetto, una sparata, un proclama sopra le righe da Claudio Corradino candidato sindaco a fine campagna elettorale , rimarrà deluso.

L’ultima dichiarazione che abbiamo raccolto, infatti, è all’insegna della concretezza : ‘In questi anni a Biella non è mancata solo la manutenzione straordinaria, ma anche quella ordinaria – sottolinea Corradino – me ne accorgo da tempo, ma i giri fatti a piedi nei quartieri per la campagna elettorale confermano questa mia impressione : la città vive nell’incuria’

La ricetta di Corradino è quindi facile : ‘ Ritengo che serva serietà e concretezza e non mi lancio in faraonici proclami, ma prometto di impegnarmi fin nei primi giorni del mio mandato da Sindaco, se tale diventerò a mettere mano alla manutenzione delle strade e dei marciapiedi, perché è vergognosa la condizione in cui sono state lasciate molte strade ed è vergognoso che anziani finiscano all’ospedale a causa di cadute dovute all’incuria in cui versano i marciapiedi’.

Chiude Corradino : ‘ Inizieremo dal centro e ci allargheremo verso i quartieri nel rimettere a posto le cose : sarà dura, ma ce la faremo !’