Attualità #Cultura

I CORSI DI ALFABETIZZAZIONE INFORMATICA A BIELLA A MAGGIO

Riprendono le lezioni di alfabetizzazione informatica che da mesi ormai arricchiscono il programma di iniziative della Biblioteca Civica. A maggio sono in programma due incontri: martedì 21 dalle 15 alle 16,30 si parlerà di internet e dei motori di ricerca, martedì 28 alla stessa ora si esaminerà il funzionamento della posta elettronica.

Il corso si terrà nella sala co-working ed è gratuito, aperto a tutti e adatto anche a chi non ha una conoscenza approfondita dell’uso del computer e di internet. È però necessario prenotarsi al banco prestiti della sede di piazza Curiel o telefonando allo 015.2534499. Le lezioni saranno tenute dal personale della Cooperativa Socioculturale.

Attualità #Eventi & Musica

L’ARTE DEL NOVECENTO E IL LIBRO 1944 – 2010 ALLA BIBLIOTECA CIVICA

La Città di Biella ha voluto rendere omaggio all’architetto Leonardo Mosso, biellese di origine, sostenendo il progetto della mostra L’arte del Novecento e il libro 1944 – 2010 curata da Gianfranco Cavaglià e allestita presso la Biblioteca Civica di Biella con inaugurazione venerdì 3 maggio 2019 alle ore 18,00 e visitabile fino al 31 luglio. L’oggetto della mostra è parte di una collezione di libri le cui copertine sono espressione di opera di artisti, architetti, grafici, attraverso le quali si può percorrere, in modo sintetico, la storia dell’arte. Viene così messa in luce l’attenzione che gli artisti insieme a editori e mecenati hanno dedicato alla produzione libraria, alla copertina del libro e al libro stesso come opera d’arte in sé, talvolta autonoma dal contenuto, come veicolo proprio e diretto di comunicazione estetica, culturale e sociale.

Rappresentano l’impegno costante di Leonardo Mosso, uomo di cultura e fondatore, con Laura Castagno, dell’Istituto Alvar Aalto e del MAAAD (Museo di Architettura Arti Applicate e Design). La collezione è stata oggetto di una prima presentazione al Salone del Libro di Torino nel 2003, nel successivo 2004 presso la sede della Provincia di Torino a Palazzo Cisterna e nel 2017 presso la Biblioteca Angelo Caselle di Pino Torinese. L’iniziativa si affianca ad un importante riconoscimento internazionale: il Centre Georges Pompidou di Parigi, dopo avere acquisito per il proprio archivio documentazioni di progetti, studi, ricerche, modelli ed istallazioni, gli ha dedicato una sala Hommage à Leonardo Mosso (sala 38 – piano 5 denominata L’école de Madrid).

La mostra ha il patrocinio del Comune di Pollone, della Biblioteca “Benedetto Croce” di Pollone, degli Ordini degli Architetti di Biella e di Torino, della SIAT (Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino) e del FAI (delegazione di Biella). Gli architetti guideranno percorsi di visita agli edifici biellesi progettati dai Mosso e ciò rappresenterà l’opportunità di un aggiornamento formativo e culturale riconosciuto per i Loro iscritti. Parallelamente sarà possibile visitare a Pollone la Biblioteca “Benedetto Croce”, una delle prime opere (1959) dell’architetto Leonardo Mosso per il prof. Gustavo Colonnetti. All’interno della Biblioteca Benedetto Croce si potranno visionare due filmati dal titolo: Un secolo in un giorno e Sunlila, la fabbrica umana di Alvar Aalto. Leonardo Mosso e Laura Castagno incontreranno gli amici di Pollone presso la Biblioteca “Benedetto Croce” alle ore 16.00 il giorno 3 maggio. In questa linea di valorizzazione delle attività progettuali presenti nel territorio, si è organizzata durante le giornate di primavera del FAI lo scorso marzo la visita alla casa natale di Nicola Mosso a Graglia.

Attualità #Biella #Territorio

PER SEGUIRE LA MIA STELLA : IL ROMANZO PRESENTATO IN BIBLIOTECA CIVICA

Venerdì 29 marzo presso la Biblioteca Civica di Biella, alle ore 18, Laura Bosio e Bruno Nacci presenteranno il loro romanzo “Per seguire la mia stella”.

Gli autori saranno intervistati da Elena Accati.

Si respira aria di melodramma in questo romanzo che, tra Storia e invenzione, riporta in vita passioni e intrighi del Rinascimento italiano e una straordinaria figura femminile a lungo dimenticata. Siamo a Lucca, città dalle cento torri e dalle cento chiese, dai bastioni possenti, ricchissima e spietata, devota e ribelle, fiera della sua indipendenza. Nel 1515, proprio a Lucca, nasce una donna simile alla sua città, orgogliosa e non domata, condannata a una vita controcorrente dal suo stesso essere donna e da un precoce talento poetico. Figlia di mercanti che esportano le loro finissime stoffe in tutta Europa, Chiara Matraini non è nobile né cortigiana, le sole condizioni che le permetterebbero un riconoscimento pubblico. Nel suo destino c’è un futuro di moglie e madre con un’oscura vita tra le mura di un palazzo. Invece Chiara, forte degli studi che i genitori le hanno consentito, decide di diventare una letterata, di più, una poetessa, pubblicando con il suo nome un volume di Rime che ottiene molti consensi. Una scelta che paga duramente, senza smettere mai di lottare, per amore del figlio, della poesia e dell’uomo a cui si lega dopo la morte del marito, suscitando scandalo. Attorno a lei, un mondo in rapido cambiamento, tra la scoperta di terre fino ad allora sconosciute, la finanza nascente, le inquietudini artistiche, le guerre di dominio e gli aspri conflitti religiosi.

Attualità #Biella #Società

TALENT CULTURALE: INCIPIT OFFRESI CI SI PUO’ ISCRIVERE FINO AL 4 DI APRILE

La penultima tappa del talent letterario più grande d’Italia arriva alla biblioteca civica di Biella. 10 aspiranti scrittori, 60 secondi, il proprio incipit da raccontare.

Incipit Offresi è un vero e proprio talent della scrittura, lo spazio dove tutti gli aspiranti scrittori possono presentare la propria idea di libro, un’occasione innovativa per diventare scrittori e promuovere la scrittura. La vera chance di Incipit Offresi è la possibilità offerta agli aspiranti scrittori di incontrare e dialogare direttamente con gli editori, farsi conoscere e raccontare la propria idea. E’ un format a tappe: 12 appuntamenti, da dicembre 2017 a maggio 2018, in altrettante biblioteche. Perché proprio le biblioteche? Per raccontare come il luogo che per eccellenza accoglie e preserva i libri possa diventare anche la sede dove far nascere e crescere nuove opere.

La partecipazione al talent è gratuita e aperta agli scrittori, esordienti e non, di tutte le nazionalità e di tutte le età (previa autorizzazione del genitore o tutore per i minorenni). I candidati dovranno presentare le prime righe della propria opera, l’incipit: un massimo di 1000 battute con le quali catturare l’attenzione dei lettori. La sfida si giocherà tutta a colpi di incipit. Durante ogni tappa gli aspiranti scrittori avranno 60 secondi di tempo per leggere o raccontare il proprio incipit al pubblico e alla giuria tecnica (composta da editori, librai, bibliotecari, lettori assidui e lettori occasionali della biblioteca ospitante). Allo scadere del tempo ogni incipit riceverà un punteggio. I due incipit che al termine della tappa si riveleranno i migliori potranno accedere direttamente alle semifinali che si svolgeranno in primavera. Gli 8 migliori classificati delle semifinali si incontreranno poi a maggio, per la grande finale al Salone Internazionale del Libro di Torino.

L’autore dell’incipit vincitore della gara si aggiudicherà un premio in denaro di 1000 euro, oltre l’accompagnamento alla possibile pubblicazione del libro, un secondo premio del valore di 500 euro verrà inoltre assegnato dalla giuria tecnica (composta dagli editori di ogni tappa e alcuni rappresentanti degli enti organizzatori e delle biblioteche aderenti al progetto). Alla chiusura dell’ultima tappa di Incipit Offresi, prima delle semifinali, l’autore che si sarà guadagnato più preferenze nella votazione online si aggiudicherà un abbonamento a TuttoLibri e un buono da utilizzare per l’acquisto di libri.

Gli aspiranti scrittori che intendono partecipare alla tappa di Biella dovranno inviare, entro il 4 aprile, il proprio incipit inedito (max 1000 battute), una descrizione dei contenuti dell’opera (max 1 cartella), l’indicazione del genere dell’opera e una fototessera in formato digitale all’indirizzo mail incipitpiemonte@gmail.com.

Attualità #Biella

I “BOCIA” IN FABBRICA, SBARCANO AL POLO ‘900 DI TORINO

E’ il frutto del progetto della biblioteca civica di Biella.

Ha aperto i battenti venerdì al Polo del ‘900 di Torino la mostra Bambini in fabbrica: i bocia di Einaudi e Gobetti, frutto di un progetto condotto tra gli altri dalla Biblioteca Civica di Biella sul lavoro minorile a inizio Novecento nelle aziende tessili della nostra provincia. I primi passi del progetto, a novembre, furono un convegno al Museo del Territorio e uno spettacolo teatrale rappresentato alla Fabbrica della Ruota di Pray e proprio al Polo del ‘900 di Torino. Il materiale su cui si basa la ricerca, in particolare una raccolta di articoli dei giornali dell’epoca, è a disposizione da qualche giorno sul sito del Polo Bibliotecario biellese, consultabile da tutti.

Il progetto prende spunto dallo sguardo di Luigi Einaudi sulla condizione degli operai biellesi, soprattutto sui “bocia” di fine Ottocento e inizio Novecento, raccolto nel volume “Le lotte del lavoro” del 1924 pubblicato da Piero Gobetti, e arriva ai giorni nostri. L’allestimento della mostra, dislocato tra il “Salotto ‘900” e la Biblioteca al primo piano, è strutturato su una linea cronologica che traccia l’evoluzione del fenomeno nel Biellese a partire dalla fine del XVII secolo fino al fascismo. Alla “linea del tempo” sono aggiunti alcuni focus specifici e, soprattutto, un approfondimento sul rapporto tra Luigi Einaudi, che scoprì il lavoro minorile biellese nel 1897, e Piero Gobetti che ne pubblicò gli studi. Proprio al legame editoriale tra il futuro Presidente della Repubblica e il giovane antifascista è dedicata una sezione della mostra.

La mostra è visitabile fino a venerdì 6 aprile durante gli orari di apertura di Palazzo San Daniele (in via del Carmine 14, da lunedì a domenica dalle 9 alle 21 e il giovedì fino alle 22) e durante gli orari di apertura della Sala lettura (dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 19, il giovedì dalle 14 alle 19, il secondo e quarto sabato del mese dalle 10 alle 19).

Attualità #Biella #Società

BIELLA: BIBLIOTECA CIVICA OGGI E DOMANI CHIUSA

Due giorni di stop in Biblioteca

Due giorni di stop al pubblico per la Biblioteca Civica di piazza Curiel. Mercoledì 20 e giovedì 21 dicembre tutti i dipendenti saranno impegnati in un corso di formazione per la sicurezza e la prevenzione antincendio. Per questo le porte della sede resteranno chiuse. Venerdì 22 dicembre il servizio riprenderà con l’orario consueto dalle 8,15 alle 18,30.

Comincia venerdì 22 dicembre anche l’orario natalizio della Biblioteca Ragazzi. La Palazzina Piacenza sarà aperta dalle 9 alle 13 dal lunedì al venerdì fino a venerdì 5 gennaio. Resterà dunque chiusa di sabato. Da lunedì 8 gennaio l’attività riprenderà con gli orari consueti: lunedì, mercoledì e venerdì dalle 14 alle 18,30, martedì e giovedì dalle 9 alle 18,30 e sabato dalle 9 alle 12,30