Attualità #Scuola #Società

LA NON ARCHIETTURA DI BASAGLIA A CITTA’ STUDI

Manicomio: le non architetture di Basaglia è il titolo della conferenza organizzata da Città Studi Biella che si svolgerà, presso la Biblioteca, giovedì 21 marzo alle ore 21. L’incontro rientra nel programma della mostra fotografica di Riccardo Poma Vuoti a perdere: geometrie dell’abbandono, visitabile fino al 6 aprile nella biblioteca del campus universitario biellese in corso G. Pella 2.

Durante l’incontro Marco Cattaneo, psichiatra docente universitario dell’Università degli Studi Torino insediato anche a Città Studi Biella, relazionerà su Franco Basaglia e la sua famosa legge 180. La Legge 180 è la prima e unica legge quadro che impose la chiusura dei manicomi e regolamentò il trattamento sanitario obbligatorio, istituendo i servizi di igiene mentale pubblici. Ciò ha fatto dell’Italia il primo (e al 2017, finora l’unico) paese al mondo ad abolire gli ospedali psichiatrici. A seguire Riccardo Poma racconterà l’esperienza del suo reportage fotografico sull’ex ospedale psichiatrico di Vercelli, con proiezione di fotografie.

L’ospedale psichiatrico di Vercelli venne completato nel 1937 e comprendeva 20 padiglioni, una chiesa e un grande parco.  Era uno dei manicomi più grandi d’Italia e si estendeva su una superficie di 28 ettari, servito da una apposita stazione della linea tranviaria interurbana che collegava Vercelli a Trino. La struttura rimase attiva fino al 1978, quando entrò in vigore la legge Basaglia. L’incontro è ad ingresso libero. Per ogni ulteriore informazione è possibile contattare la Biblioteca di Città Studi Biella, in Corso G. Pella 2b, telefonando al numero 015 8551107, scrivendo all’indirizzo email: biblioteca@cittastudi.org o consultando il sito www.cittastudi.org