SPECIAL OLYMPICS, RADUNO A BIELLA DELLA NAZIONALE DI CALCIO IN VISTA DI CHICAGO -FOTO-

Nella sede della mostra #calciodeicampioni è stata presentata la nuova avventura dei calciatori italiani Special e dei loro partner. A luglio difenderanno i colori azzurri all’Unifield Cup di Chicago.
“Biella per noi è casa nostra”. Le parole di coach Massimo Micci insieme all’assessore allo sport  del comune di Biella, Sergio Leone e al coordinatore regionale dell’associazione, Carlo Cremonte  echeggiano nei saloni di Palazzo Ferrero e inorgogliscono i biellesi. Il rapporto tra Special Olympics e Biella è qualcosa di “special”, appunto. Non a caso, stamattina nella sede della mostra #calciodeicampioni, è stata presentata la prossima avventura della nazionale italiana Special Olympics di calcio, partecipante alla prossima “Unified Cup” di Chicago in calendario a luglio. Tre giorni di allenamento per il primo raduno azzurro per i 16 giocatori oltre a tutto lo staff. Una novità perché questa è la prima partecipazione italiana per il calcio a 11. Tre anni fa, nel 2015, l’avventura Special Azzurra a Los Angeles nel calcio a 7, terminò con la conquista di una medaglia d’oro battendo in finalissima Monaco 4-3. “Per Chicago non vedo l’ora di viverla sempre con lo stesso spirito di amicizia” ha detto Andrea Camasso uno dei “reduci” della spedizione 2015. Una famiglia Special, unica, che “amo alo stesso modo di questo nuovo gruppo” gli ha fatto eco Martino Cremonte, altro reduce di Los Angeles, biellese, il pendolino de La Biellese Calcio che insieme a Natalino Calise, bomber della Biogliese Valmos andrà alla conquista della Unified Cup a luglio. E’ con questo spirito che inizia una nuova avventura per gli Special Olympics che proprio quest’anno festeggiano i 50 anni di fondazione, di integrazione, di espressione massima di passione e cuore. In fondo questi ideali erano anche di Vittorio Pozzo che proprio stamattina nella mostra a lui dedicata, ha dato simbolicamente il benvenuto agli atleti Special Olympics e a tutti i suoi partner.
L’emozione era alta in tutti loro, alcuni arrivati solo nella mattinata da molto lontano. E così ci sembra giusto scrivere i nomi dei convocati, coloro che terranno alto l’onore e l’amicizia dell’Italia intera a Chicago. 9 saranno gli atleti Special e 7 i partner oltre a tutto lo staff.
Il roster azzurro è così composto: da Torino, Luca Lanfranco (Pandha), Andrea Camasso (Valdocco), Francesco Camasso (Valdocco), da Roma, Stefano Denisi (Albano), Leopoldo D’Alessio (Mai Soli), Manuel Matteucci (Mai Soli), Gabriele Fortini (Castellinsieme), da Manfredonia, Lorenzo Di Stato (Delfino), Antonio Trimigno (Delfino). Michele Murgo (Delfino), Luca Steduto (Delfino), dalla Sardegna, Salvatore Ruiu (Speedy Sport), Serigne Mbake Diop (Millesport), da Settimo Torinese, Gerard Mballe (Pro Settimo Eureka), da Biella, Martino Cremonte (Asad), Natalino Calise (Asad). Lo staff tecnico è composto da Massimo Micci di Genova, Fabio Bacchiega di Vigevano, Edoardo Dalla Chiara di Vicenza e Andrea Siddi di Cagliari. Il capo delegazione è Chiaristella Vernole di Roma. E infine vogliamo chiudere questa presentazione con il giuramento Special, stamattina detto da Andrea Camasso: “Che io possa vincere, ma se non riuscissi, che io possa tentare con tutte le mie forze”. E allora vista la loro destinazione, possiamo augurargli “Good Luck guys”.
Fulvio Feraboli
Tag:, , , ,

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*