GATTINARA 27-05-2016

SPECIALE ELEZIONI Gattinara

Cinque domande ai candidati Maurello Negro, Luigi Zanetta e Daniele Baglione

SPECIALE ELEZIONI Gattinara 3

A Gattinara sono tre le liste che si sfideranno alle elezioni comunali del 5 giugno. Il sindaco uscente, l'avvocato 36enne Daniele Baglione, cercherà la riconferma alla guida del gruppo "Uniti si vince". Gli altri aspiranti alla carica di primo cittadino sono Maurello Negro, 66 anni ed ex presidente del Comitato Carnevale, sostenuto da "Gattinara: Impegno Comune", e Luigi Zanetta, 69enne già candidato sindaco in passato, con "Comunisti per Gattinara".

 Ai tre candidati sindaci sono state poste cinque domande identiche. Le risposte seguono l'ordine di estrazione della lista.

La questione migranti sta diventando sempre più problematica: come intende affrontarla?

Negro: Il problema sarà affrontato principalmente nell'ottica di una visione umanitaria (accoglienza, aiuto, ospitalità), definendo però i bisogni partendo dalle prospettive che le persone migrate hanno. L'ipotesi di integrazione non è infatti perseguibile nella misura in cui essi vedano la sistemazione nel nostro Comune come una soluzione passeggera in attesa di altre destinazioni più o meno già stabilite. Diverso si pone invece il problema se questa dovesse essere, per loro, una sistemazione a medio-lungo termine. Le misure da adottare sono quindi diverse e vanno analizzate e valutate attentamente in modo da renderle efficaci e mirate per loro e per la cittadinanza tutta.

 Zanetta: A Gattinara ci sono immigrati, che non hanno mai dato fastidio. Anche qui abbiamo ospitato dei profughi, per i quali il sindaco Baglione ha fatto una raccolta firme contraria al loro arrivo, un'iniziativa non fatta bene perché raccogliere 800 firme in un giorno è praticamente impossibile. C'è ancora qualche profugo e con l'Anpi, ad esempio, è stato fatto un incontro per poterli impiegare. Hanno pulito le strade per un po', dove sono anche stati insultati da qualcuno. Dobbiamo pensare che per loro diventa logico spostarsi dai loro Paesi perché lavorano come schiavi e in certi casi vengono anche obbligati ad imbarcarsi in Libia da parte dei trafficanti. La soluzione del problema sarebbe farli lavorare là, ma non come schiavi. Anche gli italiani, come mio padre e mio nonno, hanno lavorato all'estero.

Baglione: La questione migranti l’abbiamo affrontata fin dal primo giorno in cui la Prefettura ha comunicato il loro collocamento obbligatorio anche a Gattinara. Abbiamo immediatamente preso posizione contro la loro sistemazione presso il nostro ospedale perché erano stati collocati esattamente sopra il nostro Hospice. Dopo averne ottenuto lo spostamento in un’altra struttura più congeniale, abbiamo chiesto e ottenuto da tutti la disponibilità a svolgere servizio di volontariato per la comunità. Oggi, dopo due anni dal primo arrivo, non abbiamo mai avuto problemi e quando si sono presentati li abbiamo risolti insieme: Comune, cooperativa che li gestisce e migranti stessi, noi lavoriamo così. E’ ovvio che il fenomeno migratorio, dal mio punto di vista, andrebbe gestito a livello nazionale in maniera completamente diversa e certamente più incisiva, ma queste sono considerazioni che vanno oltre la gestione del problema che il governo scarica sui singoli enti locali.

Patto di stabilità o pareggio di bilancio: come si affronteranno il mantenimento delle grandi opere e gli interventi di ordinaria manutenzione?

Negro: Nel nostro programma sono stati inseriti soprattutto interventi e progetti che non presuppongono una forte spesa. Economicamente sono di fatto sostenibili con le risorse disponibili, opportunamente integrate dai risparmi di amministrazione ottenuti dall'abbassamento delle indennità (sindaco -100%, assessori -20%, eliminazione della carica di presidente del Consiglio comunale). Obiettivi più ambiziosi (grandi opere) presuppongono l'attivazione di risorse finanziarie, ora non disponibili, per le quali porremo la massima attenzione nel caso in cui diventassero accessibili tramite bandi e/o concorsi.

Zanetta: (A questa domanda il candidato non ha risposto)

Baglione: Quando mi sono insediato, nel 2011 il mio Comune aveva 12,5 milioni di euro di debiti (eravamo il Comune più indebitato di tre province) e ogni anno il Governo ci ha tagliato i trasferimenti (solo nel 2014, 700 mila euro in meno). Di certo non siamo stati a piangerci addosso, abbiamo lavorato intensamente, abbiamo ridotto l’indebitamento a 9 milioni e abbiamo partecipato a numerosi bandi europei e regionali, li abbiamo vinti e abbiamo ottenuto fondi per più di 2 milioni di euro per la nostra città. Così abbiamo potuto realizzare numerosi progetti e così abbiamo intenzione di amministrare per i prossimi cinque anni, con lo stesso impegno e la stessa volontà di portare a casa un buon risultato per Gattinara.

Perché la gente dovrebbe votarla?

Negro: Perché sono a capo di un gruppo di persone con esperienze e preparazioni eterogenee, in grado di affrontare ogni problema amministrativo con una molteplicità di competenze. Insieme abbiamo presentato un programma credibile ed organico, costruito con passione ed entusiasmo.

Zanetta: Per il nostro programma elettorale, che risponde alle vere esigenze che ha Gattinara.

Baglione: Ho un progetto ambizioso per la mia città. Questo progetto è condiviso dalla squadra di persone che insieme a me hanno scelto di candidarsi e che insieme a me chiedono la fiducia ai nostri concittadini per poter realizzare il nostro progetto con un unico obiettivo: far si che grazie al nostro lavoro, Gattinara, possa migliorare giorno per giorno.

Perché si candida e quali sono i suoi precedenti amministrativi?

Negro: La mia posizione lavorativa (dirigente della Regione Piemonte) mi ha sempre impedito di candidarmi al fine di evitare di diventare il controllore di me stesso. Queste elezioni diventano quindi una possibilità nuova, avendo già comunque operato nella pubblica amministrazione con funzioni direttive. La motivazione principale sta nella convinzione che si possa fare meglio rispetto all'ultimo quinquennio.

Zanetta: Mi candido per far vedere che i comunisti ci sono ancora e per portare a termine cose diverse dagli altri. Sono stato consigliere con Carlo Riva Vercellotti come sindaco, sempre tra i comunisti, e ho fatto delle proposte, alcune delle quali sono state accettate. Penso all'apertura della farmacia a San Bernardo, poi inaugurata nei mesi scorsi. Sono anche stato candidato alla Camera con Sinistra Critica, perché da 15 anni non c'è un comunista in Parlamento. A livello nazionale ci sono troppe liste di sinistra e per gli elettori diventa difficile riconoscersi.

Baglione: Mi ricandido perché cinque anni fa ho chiesto ai miei concittadini la fiducia per consentirmi di realizzare il mio sogno, amministrare la mia città dedicandole il mio impegno ogni giorno. Dopo cinque anni il progetto che avevo in mente si è realizzato, ma non ancora compiutamente, per cui chiedo ancora fiducia per completare insieme alla mia squadra di amici, prima che di collaboratori, il nostro lavoro.

Quali sono le necessità da soddisfare nella realtà in cui vive?

Negro: Nel fissare gli obiettivi programmatici si è tenuto conto delle carenze pregresse o mal gestite dall'amministrazione precedente che spesso ha adottato soluzioni non condivisibili per insipienza o superficialità. Noi riteniamo che un metodo condiviso di confronto ed una maggiore trasparenza nelle scelte possano portare ad una migliore vivibilità della nostra città.

Zanetta: La Sanità è importante, per questo vogliamo che nel nostro ex ospedale apra un ambulatorio di primo soccorso, funzionante 24 ore su 24, per non dover sempre ricorrere al 118 di Borgosesia e poi essere trasportati a Biella o Vercelli. Penso ad esempio alle emergenze cardiache, dove il tempo è prezioso. C'è poi il problema lavoro, Riva Vercellotti aveva predisposto un'area industriale che però non è servita bene dalle strade. Bisogna intervenire sulla Pedemontana, nei tratti tra l'autostrada di Romagnano, la superstrada di Biella e la Torino-Aosta, senza dover passare da Santhià, per portare qualcuno nell'area industriale. Serve uno "sportello rosa" per le donne maltrattate, ma non solo per loro. Le feste non sono solo quelle di San Martino e dell'Uva, per il carnevale ci sono dei capannoni nell'area ex "Pozzi" che si potrebbero dare ai ragazzi per fare i carri e creare aggregazione. La nostra agricoltura non è solo vino, ma ci sono anche riso e le serre. C'è poi il problema del "tubo del Sesia", portato avanti dal Baraggia nonostante il nostro impegno come Cavalieri del Sesia. Infine, vorremmo attivare un corso di nuoto gratuito per tutti, un'iniziativa che secondo me dovrebbe essere attuata a livello nazionale.

Baglione: Se le facessi un elenco non le basterebbero la pagine del giornale. Ogni giorno ci sono necessità nuove che vanno soddisfatte. Al primo posto però metto una necessità che non è amministrativa ma che è vitale, il lavoro per chi oggi non ce l’ha. Ecco, questo è la cosa che mi sta più a cuore. Con alcuni progetti sociali in questi anni abbiamo cercato di affrontare questo dramma , ma voglio fare ancora di più perché senza lavoro una persona si perde e io non posso permettere che ciò accada nella mia comunità.

Simone Ottavis

© Riproduzione Riservata

Privacy Policy


La Presente Privacy Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione del sito web www.biellacronaca.it (in seguito anche il “Sito”), in riferimento al trattamento dei dati personali dell’Utente che lo consulta (in seguito anche l’“Utente”).

Si tratta, in particolare, di un’informativa che è resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. n. 196/03 recante il “Codice in materia di protezione dei dati personali” (in seguito anche “Codice Privacy”) a coloro che si collegano al Sito.

Il Sito è di proprietà di biellacronaca.it, CF 01838620027 (in seguito anche la “Società”), che garantisce il rispetto della normativa contenuta nel Codice Privacy.

La presente informativa è resa solo con riferimento al Sito e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall’Utente tramite link.

L’Utente dovrà leggere attentamente la presente Privacy Policy prima di inoltrare qualsiasi tipo di informazione personale, di compilare qualunque modulo elettronico presente sul Sito stesso o di sottoscrivere una delle tipologie di abbonamento al quotidiano BiellaCronaca offerte sul Sito (in seguito anche “Abbonamento”).


1. Titolare del trattamento.

Il Titolare del trattamento è biellacronaca.it, CF 01838620027 ed il responsabile è il sig. Zola Mauro.


2. Tipologia di dati trattati e finalità di trattamento.

1) Dati di navigazione.

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del Sito acquisiscono, nel normale esercizio, alcuni dati personali che vengono poi trasmessi implicitamente nell’uso dei protocolli di comunicazione Internet.

Si tratta di informazioni che, per loro natura, potrebbero, mediante associazioni ed elaborazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli Utenti (ad esempio, tramite l’indirizzo IP, i nomi di dominio dei computer utilizzati dagli Utenti che si collegano al Sito, …) (in seguito anche i “Dati”).

I Dati vengono utilizzati solo per informazioni di tipo statistico (e sono, quindi, anonimi) e per controllare il corretto funzionamento del Sito e vengono cancellati subito dopo l’elaborazione.

I Dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del Sito o della Società: salva questa eventualità, allo stato, i dati sui contatti web non persistono per più di sette giorni.

Nessun dato personale dell’Utente viene, in proposito, acquisito dal Sito, né viene fatto uso di cookie per la trasmissione di informazioni di carattere personale o di cookie persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi di tracciamento dell’Utente.

L’uso dei c.d. cookie di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’Utente e svaniscono con la chiusura del bowser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del Sito

I menzionati cookie di sessione evitano, in ogni caso, il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione dell’Utente e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’Utente.

Per ulteriori approfondimenti circa le tipologie e modalità di utilizzo dei cookie da parte del Sito, è possibile consultare la Cookie Policy qui.

2) Dati forniti volontariamente dall’Utente.

Si tratta dei dati personali forniti direttamente dall’Utente all’atto della registrazione necessaria al fine di accedere al Sito e/o in particolari sezioni dello stesso od alla sottoscrizione di una tipologia di abbonamento proposta sul Sito, vale a dire tutte quelle informazioni personali che consentono l’identificazione dell’Utente (quali, ad esempio, nome e cognome, indirizzo, indirizzo di posta elettronica, numeri telefono, altri numeri e/o codici di identificazione personale) o che sono state inviate alla Società per partecipare alle attività del Sito (ad esempio, immagini o video).

L’invio facoltativo, esplicito o volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati sul Sito o la compilazione di moduli per la raccolta dei dati personali o l’invio di materiale audio/video comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inviati/inseriti.


3. Modalità del trattamento.

I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati o manualmente per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati. Sul punto, si evidenzia, tuttavia, che, presa coscienza dei rischi legati alla divulgazione di dati personali, nessun sistema è totalmente sicuro od a prova di manomissione da parte di hacker.

A tal fine, la Società evidenzia che sono state poste in essere, ai sensi degli artt. 33 e ss. del Codice Privacy, tutte le misure ragionevolmente necessarie per impedire e minimizzare i rischi dovuti ad accessi non autorizzati, trattamenti, alterazioni o distruzioni non autorizzate o contrarie alla legge.


4. Finalità del trattamento.


I dati personali sono trattati con le finalità di seguito indicate:

a) finalità connesse alla fornitura dei servizi e/o prodotti offerti dal Sito: a mero titolo esemplificativo, fornire i servizi e/o prodotti richiesti dall’Utente; consentire la partecipazione alle attività promosse dal Sito; gestire la comunità degli Utenti; gestire la registrazione al Sito; rispondere a specifiche richieste dell’Utente; adempiere ad obblighi di legge o contrattuali (od esercitare facoltà derivanti dal contratto). Il conferimento dei dati per tale finalità è necessario per usufruire dei servizi richiesti o di accedere al Sito.

b) Invio di comunicazioni commerciali (marketing) e vendita diretta: previo ottenimento del consenso espresso da parte dell’Utente, i dati personali potranno essere utilizzati a fini di invio di comunicazioni commerciali (marketing) e/o vendita diretta, tramite e-mail, fax, telefono ed ogni altra tecnologia di comunicazione a distanza, presente od in futuro sviluppata, per la promozione di beni e servizi propri o di soggetti terzi. Il conferimento dei dati per tale finalità è facoltativo ed un eventuale rifiuto al conferimento non comporterà l’impossibilità di usufruire dei servizi offerti dalla Società.

Tuttavia, anche in caso di consenso, l’Utente avrà comunque il diritto di opporsi, in tutto od in parte, al trattamento dei propri dati personali per finalità di marketing e/o vendita diretta, facendone semplice richiesta alla Società, senza alcuna formalità.


5. Ambito di comunicazione e diffusione.

Potranno venire a conoscenza dei dati personali dell'Utente, i soggetti nominati di volta in volta dalla Società quali responsabili od incaricati del trattamento, in particolare la società SOFTPLACE Srl, con sede legale in Via Massaua n. 6 – 13900 BIELLA (BI) – CF e P.IVA 02255690022 essendo, quest’ultima, incaricata dalla Società della gestione e della manutenzione del Sito.

I dati personali potranno essere comunicati a:

- società controllate/controllanti o collegate della Società, soggetti cessionari di azienda o di ramo d'azienda, società risultanti da possibili fusioni o scissioni della Società, i quali potranno utilizzarli per le medesime finalità specificate alle lettere a) e b) di cui sopra.

Previo ottenimento del consenso espresso dell'Utente, i dati personali potranno altresì essere comunicati a:

- altre società che svolgono attività nei settori dell'intrattenimento, delle produzioni audio/video, dei social networking;

- società partner commerciali, coinvolte in specifici progetti/iniziative promossi dalla Società sul Sito, cui l'Utente ha aderito.

Le suddette società potranno, a loro volta, utilizzarli per finalità di marketing, comunicazioni pubblicitarie e vendite diretta relativamente a beni e servizi propri o di terzi, tramite e-mail, fax, telefono e qualsiasi altra tecnica di comunicazione a distanza, presente od in futuro sviluppata. Tali soggetti agiranno come autonomi titolari del trattamento.

Il consenso alla comunicazione dei dati personali è facoltativo ed un eventuale rifiuto non comprometterà la possibilità di iscriversi al Sito e partecipare alle iniziative promosse dalla Società. Anche in caso di consenso, l'utente avrà comunque il diritto di opporsi, in tutto o in parte, alla comunicazione dei propri dati personali a tali soggetti terzi, nonché al loro successivo trattamento per finalità di marketing e/o vendita diretta, facendone semplice richiesta, senza alcuna formalità, alla Società od ai soggetti terzi cui i dati saranno eventualmente comunicati.

I dati personali dell'Utente non saranno in alcun modo diffusi al pubblico, fatta eccezione per l'eventuale pubblicazione sul Sito del nome, cognome o "nick name" dell'Utente o di immagini o video volontariamente inviate dall'Utente allo scopo precipuo di pubblicarle sul Sito.


6. Diritti del richiedente.

La Società informa che l'art. 7, primo comma, del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 ("Codice Privacy”) riconosce, al richiedente, specifici diritti che potranno essere esercitati in qualsiasi momento.

I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere l’indicazione:

a) dell'origine dei dati personali;

b) delle finalità e modalità del trattamento;

c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;

d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, secondo comma, del D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196;

e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

Ai sensi del menzionato art. 7, secondo comma, del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, il richiedente ha il diritto di chiedere:

a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;

b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;

c) l'attestazione che le operazioni di cui alle precedenti lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

Le richieste andranno rivolte al titolare del trattamento.