BIELLA 12-09-2016

Ascesa e caduta (forse) di un nazi vegano

Da guardia giurata a volto mediatico dell'animalismo più oltranzista, un po' di storia su Valerio Vassallo che, a ragione, ringrazia chi lo odia: "Mi avete dato più visibilità"

Ascesa e caduta (forse) di un nazi vegano 4

Non è un caso che il difensore di Valerio Vassallo, l’ex leader del Meta, Movimento etico Tutela Animali e Ambiente, arrestato sabato per stalking sia l’avvocato biellese Alessandra Guarini, che ben sa muoversi nelle storie ad alto impatto mediatico, come è certo che questa sarà. Bastano a confermarlo le dichiarazioni di Vassallo al momento dell’arresto, sul fatto che non mangerà nulla in carcere, dove è probabile resti fino alla convalida, forse domani, perché difficile sia previsto un menù di stretta osservanza vegana, ed è fin troppo facile indovinare di che tenore saranno le sue lamentele a riguardo una volta fuori.

Nell’ascesa costante e fragorosa del “personaggio” Vassallo forse l’accusa per stalking è l’unico vero, grosso intoppo ma che la sua compagna, la giovane milanese presidente di quel Meta che avevano creato insieme, se ne fosse andata con un altro militante, che adesso vivesse con lui a Cossato, proprio non gli andava giù, lo testimonia la rissa di inizio luglio, che l’aveva visto reagire violentemente al tentativo della ragazza, accompagnata dal nuovo compagno e da un amico, di riprendersi le sue cose dalla villetta che la coppia affittava a Andorno In quel caso aveva avuto la peggio e non aveva mancato di rimarcarlo, postando sui social network le foto in pronto soccorso e presentandosi come una vittima anche se secondo gli altri tre era stato il primo a impugnare una spranga. Anche dopo Vassallo avrebbe continuato a tormentare la coppia. Telefonate, sms minaccioso, scritte sui muri e pedinamenti, cambiando anche macchina per non farsi scoprire. Un vero e proprio assedio, che è stato interrotto dall’arresto da parte dei carabinieri di Andorno, dopo un’indagine, durata pochi giorni come è costume in questi casi, del nucleo di carabinieri in forza alla procura che, sotto la guida del maresciallo Tindaro Gullo ormai sono molto efficaci nel campo dello stalking.

Vedremo se questo sarà solo un episodio in più di quella che, soprattutto negli ultimi anni è diventata una vita sotto i riflettori, con Vassallo dimostratosi abilissimo nello sfruttare i media e l’indignazione che le sue posizioni estreme puntualmente provocano, a partire da quel “sono un nazi vegano”. Per lui gli ultimi mesi sono stati una continua escalation che l’ha portato alla ribalta nazionale, a partecipare al programma delle Iene e, così aveva annunciato da poco su Facebook, ad avere uno spazio fisso il venerdì sera su Rete 105 (in realtà la rete non ha ancora dato conferma) dove già veniva interpellato spesso nel programma Benvenuti nella Giungla, in cui dispensava invettive ma anche consigli pacati.

Solo qualche anno fa sarebbe stato impossibile ipotizzare un simile futuro per Vassallo, che ha passato anni nell’anonimato. Adolescenza al Villaggio Lamarmora, dove però se lo ricordano in pochi, e poi tutta una serie di lavori, operaio, pizzaiolo, volontario della Croce Rossa e dei vigili del fuoco, tutti incarichi presi e lasciati in pochi mesi. Quello che sembra essere destinato a diventare il suo lavoro definitivo è la guardia giurata, per questo nei primi anni duemila si trasferisce in provincia di Salerno, dove resta per qualche anno ma soprattutto scopre l’Associazione Europea Operatori Polizia, uno di quei gruppi che navigano in zone nebulose della legge, che girano in divisa pur non avendo incarichi ufficiali, che si occupano in questo caso di controllo ittico venatorio, zoofilo ma anche ambientale. Il che permette a Vassallo di unire la crescente passione per l’animalismo con il suo lavoro nel campo della sicurezza.

Prima diventa presidente del gruppo di Salerno, poi quando decide di tornare nel Biellese, fonda qui una filiale e nella stessa sede e con gli stessi compagni apre anche un’altra associazione, la Liv, il cui nome ricorda un po’ (volutamente?) quello della Lav, si tratta di un’associazione di tutela animali e ambiente, oltre che di interventi antincendio. Siamo nel 2010 e nei primi anni di attività Vassallo resta un fenomeno prevalentemente locale, protagonista di manifestazioni contro i circhi che usano animali, contro i maialini allo spiedo al mercato europeo, contro le sagre, contro la corsa vercellese dei buoi.

A questo punto è già un professionista dell’animalismo militante, sempre meno guardia zoofila e sempre più agitatore da piazza. Nessuna delle due associazioni però decolla, e Vassallo si trova a navigare in un limbo che viene abbandonato, come Aeop e Liv, formalmente ancora attive ma in realtà dismesse, quando si arriva al Meta che è in attività da poco più di un anno ma gli ha già dato una visibilità insperata. Niente più divise, niente più controlli antincendio, il riferimento e i contatti, anche grazie alla giovane compagna milanese sono con le frange più accese e oltranziste del movimento, a partire dal Fronte Animalista che a Milano ne supporterà le azioni più eclatanti.

Senza arrivare a quei livelli Vassallo alza comunque il tono e si conquista copertine e polemiche in più province (da manuela la battaglia per salvare il toro fuggito da un allevamento a Mongrando) si tratta però sempre di contatti locali che soltanto lambiscono la ribalta nazionale. Quella gliela regala il conduttore di Radio 24 Giuseppe Cruciani, che con Vassallo condivide atteggiamento polemico e gusto per la provocazione. Cruciani in trasmissione attacca frontalmente i vegani, li dileggia, cerca una reazione che arriva puntuale, sotto forma di una manifestazione davanti alla sede della radio. Se una parte dei manifestanti, quelli del Fronte Animalista, cercano il contatto fisico con Cruciani, che il provocatore lo sa fare e infatti scende ad affrontarli sventolando un salame, Vassallo rilascia dichiarazioni, anche molto pesanti e accetta di confrontarsi con il conduttore. E’ un trionfo, da lì arriva l’intervista doppia nel programma televisivo le Iene, in cui gioca bene le sue carte, da vero estremista, e poi i passaggi su Radio 105, e ancora un’attenzione smodata su tutto quello che fa. Così la risposta secca a Gianfranco Vissani e la proposta di usarlo per farne ciccioli fa il botto e l’attacco a un gruppo di pescatori a Quarona, che prima si sarebbe fermato alle pagine interne dei quotidiani locali oggi passa senza problemi sui nazionali, arriva anche la denuncia di una mamma ma che importa? Arriva la scomunica del Meta ma anche quello è uno strumento superato oggi si parla soltanto di lui, di Valerio Vassallo. Nell’ultimo messaggio video postato su Facebook Vassallo ringrazia tutti quelli che lo odiano, Cruciani, Facci “Mi avete tirato in televisione per percularmi e mi avete dato più visibilità”.

© Riproduzione Riservata

Privacy Policy


La Presente Privacy Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione del sito web www.biellacronaca.it (in seguito anche il “Sito”), in riferimento al trattamento dei dati personali dell’Utente che lo consulta (in seguito anche l’“Utente”).

Si tratta, in particolare, di un’informativa che è resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. n. 196/03 recante il “Codice in materia di protezione dei dati personali” (in seguito anche “Codice Privacy”) a coloro che si collegano al Sito.

Il Sito è di proprietà di biellacronaca.it, CF 01838620027 (in seguito anche la “Società”), che garantisce il rispetto della normativa contenuta nel Codice Privacy.

La presente informativa è resa solo con riferimento al Sito e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall’Utente tramite link.

L’Utente dovrà leggere attentamente la presente Privacy Policy prima di inoltrare qualsiasi tipo di informazione personale, di compilare qualunque modulo elettronico presente sul Sito stesso o di sottoscrivere una delle tipologie di abbonamento al quotidiano BiellaCronaca offerte sul Sito (in seguito anche “Abbonamento”).


1. Titolare del trattamento.

Il Titolare del trattamento è biellacronaca.it, CF 01838620027 ed il responsabile è il sig. Zola Mauro.


2. Tipologia di dati trattati e finalità di trattamento.

1) Dati di navigazione.

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del Sito acquisiscono, nel normale esercizio, alcuni dati personali che vengono poi trasmessi implicitamente nell’uso dei protocolli di comunicazione Internet.

Si tratta di informazioni che, per loro natura, potrebbero, mediante associazioni ed elaborazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli Utenti (ad esempio, tramite l’indirizzo IP, i nomi di dominio dei computer utilizzati dagli Utenti che si collegano al Sito, …) (in seguito anche i “Dati”).

I Dati vengono utilizzati solo per informazioni di tipo statistico (e sono, quindi, anonimi) e per controllare il corretto funzionamento del Sito e vengono cancellati subito dopo l’elaborazione.

I Dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del Sito o della Società: salva questa eventualità, allo stato, i dati sui contatti web non persistono per più di sette giorni.

Nessun dato personale dell’Utente viene, in proposito, acquisito dal Sito, né viene fatto uso di cookie per la trasmissione di informazioni di carattere personale o di cookie persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi di tracciamento dell’Utente.

L’uso dei c.d. cookie di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’Utente e svaniscono con la chiusura del bowser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del Sito

I menzionati cookie di sessione evitano, in ogni caso, il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione dell’Utente e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’Utente.

Per ulteriori approfondimenti circa le tipologie e modalità di utilizzo dei cookie da parte del Sito, è possibile consultare la Cookie Policy qui.

2) Dati forniti volontariamente dall’Utente.

Si tratta dei dati personali forniti direttamente dall’Utente all’atto della registrazione necessaria al fine di accedere al Sito e/o in particolari sezioni dello stesso od alla sottoscrizione di una tipologia di abbonamento proposta sul Sito, vale a dire tutte quelle informazioni personali che consentono l’identificazione dell’Utente (quali, ad esempio, nome e cognome, indirizzo, indirizzo di posta elettronica, numeri telefono, altri numeri e/o codici di identificazione personale) o che sono state inviate alla Società per partecipare alle attività del Sito (ad esempio, immagini o video).

L’invio facoltativo, esplicito o volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati sul Sito o la compilazione di moduli per la raccolta dei dati personali o l’invio di materiale audio/video comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inviati/inseriti.


3. Modalità del trattamento.

I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati o manualmente per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati. Sul punto, si evidenzia, tuttavia, che, presa coscienza dei rischi legati alla divulgazione di dati personali, nessun sistema è totalmente sicuro od a prova di manomissione da parte di hacker.

A tal fine, la Società evidenzia che sono state poste in essere, ai sensi degli artt. 33 e ss. del Codice Privacy, tutte le misure ragionevolmente necessarie per impedire e minimizzare i rischi dovuti ad accessi non autorizzati, trattamenti, alterazioni o distruzioni non autorizzate o contrarie alla legge.


4. Finalità del trattamento.


I dati personali sono trattati con le finalità di seguito indicate:

a) finalità connesse alla fornitura dei servizi e/o prodotti offerti dal Sito: a mero titolo esemplificativo, fornire i servizi e/o prodotti richiesti dall’Utente; consentire la partecipazione alle attività promosse dal Sito; gestire la comunità degli Utenti; gestire la registrazione al Sito; rispondere a specifiche richieste dell’Utente; adempiere ad obblighi di legge o contrattuali (od esercitare facoltà derivanti dal contratto). Il conferimento dei dati per tale finalità è necessario per usufruire dei servizi richiesti o di accedere al Sito.

b) Invio di comunicazioni commerciali (marketing) e vendita diretta: previo ottenimento del consenso espresso da parte dell’Utente, i dati personali potranno essere utilizzati a fini di invio di comunicazioni commerciali (marketing) e/o vendita diretta, tramite e-mail, fax, telefono ed ogni altra tecnologia di comunicazione a distanza, presente od in futuro sviluppata, per la promozione di beni e servizi propri o di soggetti terzi. Il conferimento dei dati per tale finalità è facoltativo ed un eventuale rifiuto al conferimento non comporterà l’impossibilità di usufruire dei servizi offerti dalla Società.

Tuttavia, anche in caso di consenso, l’Utente avrà comunque il diritto di opporsi, in tutto od in parte, al trattamento dei propri dati personali per finalità di marketing e/o vendita diretta, facendone semplice richiesta alla Società, senza alcuna formalità.


5. Ambito di comunicazione e diffusione.

Potranno venire a conoscenza dei dati personali dell'Utente, i soggetti nominati di volta in volta dalla Società quali responsabili od incaricati del trattamento, in particolare la società SOFTPLACE Srl, con sede legale in Via Massaua n. 6 – 13900 BIELLA (BI) – CF e P.IVA 02255690022 essendo, quest’ultima, incaricata dalla Società della gestione e della manutenzione del Sito.

I dati personali potranno essere comunicati a:

- società controllate/controllanti o collegate della Società, soggetti cessionari di azienda o di ramo d'azienda, società risultanti da possibili fusioni o scissioni della Società, i quali potranno utilizzarli per le medesime finalità specificate alle lettere a) e b) di cui sopra.

Previo ottenimento del consenso espresso dell'Utente, i dati personali potranno altresì essere comunicati a:

- altre società che svolgono attività nei settori dell'intrattenimento, delle produzioni audio/video, dei social networking;

- società partner commerciali, coinvolte in specifici progetti/iniziative promossi dalla Società sul Sito, cui l'Utente ha aderito.

Le suddette società potranno, a loro volta, utilizzarli per finalità di marketing, comunicazioni pubblicitarie e vendite diretta relativamente a beni e servizi propri o di terzi, tramite e-mail, fax, telefono e qualsiasi altra tecnica di comunicazione a distanza, presente od in futuro sviluppata. Tali soggetti agiranno come autonomi titolari del trattamento.

Il consenso alla comunicazione dei dati personali è facoltativo ed un eventuale rifiuto non comprometterà la possibilità di iscriversi al Sito e partecipare alle iniziative promosse dalla Società. Anche in caso di consenso, l'utente avrà comunque il diritto di opporsi, in tutto o in parte, alla comunicazione dei propri dati personali a tali soggetti terzi, nonché al loro successivo trattamento per finalità di marketing e/o vendita diretta, facendone semplice richiesta, senza alcuna formalità, alla Società od ai soggetti terzi cui i dati saranno eventualmente comunicati.

I dati personali dell'Utente non saranno in alcun modo diffusi al pubblico, fatta eccezione per l'eventuale pubblicazione sul Sito del nome, cognome o "nick name" dell'Utente o di immagini o video volontariamente inviate dall'Utente allo scopo precipuo di pubblicarle sul Sito.


6. Diritti del richiedente.

La Società informa che l'art. 7, primo comma, del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 ("Codice Privacy”) riconosce, al richiedente, specifici diritti che potranno essere esercitati in qualsiasi momento.

I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere l’indicazione:

a) dell'origine dei dati personali;

b) delle finalità e modalità del trattamento;

c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;

d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, secondo comma, del D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196;

e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

Ai sensi del menzionato art. 7, secondo comma, del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, il richiedente ha il diritto di chiedere:

a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;

b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;

c) l'attestazione che le operazioni di cui alle precedenti lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

Le richieste andranno rivolte al titolare del trattamento.