NON SOLO LA BIELLESE, IL NOSTRO CALCIO E’ IN SALUTE

I bianconeri di mister Braghin guidano una delegazione di club biellesi che stanno vivendo una stagione positiva.

In Eccellenza La Biellese rappresenta la massima espressione calcistica del nostro territorio, ma tra Promozione e Prima Categoria non mancano le note liete.
La stagione del Fulgor Ronco Valdengo in Promozione è stata fino a questo momento molto positiva: i rossoblu di mister Davide Modenese hanno totalizzato 24 punti in 15 partite, un bottino che ha portato il club in zona playoff. Fondamentale per Santacaterina e compagni la vittoria nel derby contro il Ceversama che ha fatto svoltare il campionato dei valdenghesi.
Proprio i gialloblu di Verrone sono forse la vera delusione di questa prima metà di stagione: l’esonero di mister Granai con il successivo arrivo di Giampiero Poli non ha portato gli effetti sperati per una squadra che viaggiava nei piani medio alti della classifica e che ora si ritrova a soli 5 punti dalla zona playout non potendo più contare sulle prestazioni di bomber Bajram Umeroski che ha lasciato il Cever per tornare in Prima Categoria tra le fila del Vigliano.
Passando alla Prima Categoria basta dare una rapida occhiata alla classifica del Girone B per vedere il dominio biellese con ben cinque squadre del nostro territorio nei primi sei posti della classifica.
Guida dall’alto il Ponderano di mister D’Ambrogio che ha consolidato la vetta tra le mura amiche del Meroni, per ora ancora terreno inespugnabile per le compagini ospiti, e offerto buone prestazioni anche fuori casa: i 32 punti ottenuti in 13 giornate sono la riprova della bontà del lavoro dei nerostellati che in sede di mercato invernale hanno aggiunto Daniele Patti a una rosa già di ottimo livello, ulteriore benzina per la seconda parte della stagione.
Dietro il Ponderano troviamo la Biogliese Valmos che, a parte il brutto K.O. rimediato a metà ottobre contro il Gaglianico, ha dimostrato di essere una squadra solida che può dire la sua anche nel girone di ritorno guidata dalle reti del bomber Natalino Calise.
A quota 23 punti troviamo in coabitazione Chiavazzese e Città di Cossato, due squadre che hanno però avuto un campionato molto diverso: i blucremisi di mister Massimo Zucca hanno cominciato alla grandissima insidiando addirittura la prima posizione nonostante l’obiettivo societario fosse quello di centrare la salvezza il prima possibile, un risultato già ampiamente in tasca anche se nelle ultime gare c’è stata un’inevitabile flessione che ha ridimensionato le ambizioni di Giunta e compagni. Da gennaio servirà fare molti punti in poche gare per arrivare alla fatidica quota 40.
Discorso diverso per i Blues di Davide Ariezzo che in estate erano considerati da tutti gli addetti ai lavori la vera corazzata del girone dopo il mercato faraonico che ha portato a Cossato giocatori del calibro di Tommaso Marazzato, Federico Ramella e Michael Curatolo, tutti e tre arrivati da La Biellese, ma qualche passaggio a vuoto ha fatto scappare le prime della classe.
Il mercato di riparazione ha puntellato la difesa con l’esperienza di Francesco Lanza e la gioventù di Simone Celussi, nel girone di ritorno sarà tutta un’altra musica.
Cambio di spartito anche per il Vigliano che ha cambiato allenatore (da Ferrari a Magaraggia) e molti interpreti (fuori Mangiaracina, Piaia, Patti e Mihaila, dentro Lamantia, Kalajdzic, Marangone e soprattutto Umeroski), sintomo di una squadra che sa benissimo che la zona medio bassa della classifica non le compete e che nel girone di ritorno proverà a risalire la china.
Tra le sorprese, ma fino a un certo punto, troviamo la Valle Cervo Andorno che è in lotta per la zona playoff trascinata dalle reti di Brazzale e con un Marco Pidello in rampa di lancio. Il club a scacchi bianconeri punta alla salvezza, ma se continuerà a far vedere i progressi di questa prima parte di stagione nessun risultato è precluso.
Ultima squadra che analizziamo il Gaglianico di mister Glauco Pertel. I biancoblu del Cobra hanno racimolato 14 punti, molti rispetto allo scorso campionato arrivati allo stesso punto ma meno di quelli che si potevano raccogliere cammin facendo: l’ottima prestazione fatta vedere sul campo della Chiavazzese non ha però portato punti, un dato che dovrà essere migliorato nel girone di ritorno dove storicamente le squadre di Pertel ottengono il meglio.
Il 2017 calcistico è terminato e dopo l’abbuffata natalizia è tempo di tornare in campo per prepararsi al meglio in vista della seconda parte del campionato, quella dove i verdetti vengono sanciti.

Stefano Villa

Tag:, , , , , , , , , ,