MATTIA BERTONCINI E DEBHORA LI SACCHI VINCONO LA BIELLA-SANTUARIO DI GRAGLIA -FOTOGALLERY-

Il tempo inclemente non ha fermato i 172 atleti al via. Bene Selena Bernardi che conferma il suo stato attuale di splendida forma e capolavoro di Matteo Lometti.

Pioggia e freddo per la 16ª ri-edizione della Biella-Santuario di Graglia, classica di apertura del podismo biellese, organizzata questa mattina dal Gaglianico 74 sul classico percorso di 11,3 chilometri con partenza da via Lamarmora a Biella e arrivo al Santuario di Graglia con un dislivello complessivo di 392 metri. Le rampe durissime sulle Rive di Muzzano e nei tre chilometri finali hanno spezzato le gambe a molti, confermando la difficoltà di questa gara.

Sono stati 172 gli atleti al via, mentre una trentina i preiscritti che hanno desistito certamente a causa delle condizioni climatiche.

Nel tratto in pianura sono il canavesano Vezio Bozza e il biellese Alessandro Ferrarotti a tirare un gruppetto compatto di una quindicina di atleti, ma già alle prime salute la fila si allunga. Ferrarotti viene affiancato dal valsesiano Mattia Bertoncini che alla fine avrà la meglio chiudendo in 44’51”, con un divario di una quarantina di secondi su Alessandro Ferrarotti. Dietro compie un vero capolavoro Mattia Lometti che prima recupera Vezio Bozza, poi raggiunge Fabio Bosio e a poche centinaia di metri dal traguardo sorpassa anche Enzo Mersi, andando a conquistare la terza posizione assoluta. A seguire sino al 10° posto si piazzano nell’ordine Enzo Mersi, Fabio Bosio, Silvio Balzaretti, Vezio Bozza, Mamadou Yaya Souarè, Andrea Pelosi e Carlo Torello Viera.

Meno movimentata la classifica femminile: la biellese Debhora Li Sacchi stacca tutte le atlete fin dall’inizio e chiude in 51’45” migliorando nettamente la sua prestazione nella passata edizione. Sul podio anche un’altra biellese, Selena Bernardi, staccata di circa un minuto e l’astigiana Elisa Almondo ad una decina di secondi. A seguire, sino al 10° posto, Elena Graziano, Elisa Travaglini, Sarah Aimee L’Epeee, Anna Manara, Alessia Gariazzo, Letizia Gabella e Daniela Ramella.

La sicurezza sul percorso è stata garantita grazie alla collaborazione con i comuni di Biella, Occhieppo Inferiore, Muzzano e Graglia con le rispettive forze di polizia municipale, nonché dei gruppi di Protezione Civile dei paesi attraversati dalla corsa, dell’AIB Antincendio Boschivi Biella. In testa alla gara prezioso l’apporto delle staffette della Polizia Penitenziaria e di alcuni componenti degli “Shot-gun”.

Le premiazioni, ritardate a causa di problematiche non dipendenti dalla società organizzatrice, si sono svolte nei locali messi a disposizione dal gruppo Alpini di Graglia, partner dell’evento insieme all’amministrazione del Santuario di Graglia. Sono stati premiati a sorteggio 10 atleti a cui è stato offerto un pranzo al Ristorante del Santuario di Graglia, i primi tre uomini e le prime tre donne assolute nonché i primi 5 uomini e le prime 3 donne di ogni categoria. Sponsor sono stati Conad, Lauretana, Menabrea, Patti e il negozio il Fiore di Gaglianico.

Il Trofeo Elio Cerruti assegnato alla migliore società della classifica a punti è andato al Biella Running dopo rinuncia del Gaglianico 74, in qualità di organizzatore. Premiate anche le società dal 2° al 5° posto, ovvero Gsa Valsesia, Atletica Monterosa Fogu Arnad, Olimpia Runners e Atl. Santhià. Il Gran Premio Renato Zanetto, consistente in una medaglia d’oro e riservato al primo classificato della categoria Master 60 è stato vinto da Angelo Nicolello della Polisportiva Bairese.

La Biella-Santuario di Graglia, lo ricordiamo, è prima prova del Gran Premio Ezio Cappio che verrà assegnato per somma tempi al termine del giro delle Cascine in calendario il 21 ottobre prossimo.

Non appena disponibili pubblicheremo le classifiche complete.

Tag:, , , ,

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*