LO STORICO PALAZZO DELLE POSTE DI VIA PIETRO MICCA RESTITUITO ALLA CITTA’ DOPO IL RESTAURO

Realizzati per l’occasione un annullo e tre cartoline filateliche.

Il Palazzo delle Poste di via Pietro Micca, 34 torna simbolicamente alla città come patrimonio della comunità, al termine dell’intervento di restauro nell’ambito della campagna di valorizzazione degli immobili di proprietà aziendale.
L’edificio, risalente al 1931, sorge su un’area concessa dal Comune di Biella, denominata “giardino del seminario”, la cui architettura è costituita da linee di stile classico che regalano allo stabile una decorosa semplicità.
A illustrare alle Istituzioni, alla stampa e ai cittadini i dettagli del restauro del Palazzo sono stati per Poste Italiane il responsabile Area Territoriale nord ovest Giovanni Accusani, la direttrice di Filiale Cristina Giovannelli e il responsabile Area Immobiliare nord ovest Stefano Pongan.
Grazie all’impegno di Poste Italiane l’edificio è tornato al suo antico splendore, con interventi che non si sono limitati alla semplice manutenzione ma hanno consentito il risanamento della facciata, il restauro degli elementi decorativi, il recupero di porte e infissi e il rifacimento conservativo dei pavimenti del cortile di pertinenza con la posa di cubetti di porfido oltre al rifacimento delle inferriate. I lavori eseguiti sono il segno tangibile della volontà dell’Azienda di contribuire al mantenimento dell’identità culturale dei territori nei quali è presente.
Nell’occasione è stato realizzato l’annullo della corrispondenza con il timbro che riproduce il Palazzo restaurato. Da oggi e fino al loro esaurimento saranno disponibili anche tre cartoline dedicate, a tiratura limitata di duecento esemplari ciascuna raccolte in cofanetto, che raffigurano l’immagine dell’edificio prima e dopo il restauro.
L’annullo speciale resterà poi disponibile presso lo sportello filatelico dell’ufficio postale di via Pietro Micca 34 per i sessanta giorni successivi, prima di essere depositato nel Museo Storico della Comunicazione di Roma.

I visitatori hanno potuto infine ammirare l’ufficio postale militare da campo n. 51, istituito nel 1917, utilizzato nella zona Carnia durante la Prima Guerra Mondiale e in Tunisia nella Seconda Guerra Mondiale. La struttura mobile è composta da quattro casse corredate da tutto il necessario per la corrispondenza, dal bilancino ai timbri, allo spago per gli imballaggi e resterà esposta fino al 13 aprile.

Tag:, , ,

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*