LA PAROLA CHIAVE PER IL FUTURO DEL COMMERCIO E’ FIDUCIA

“La ripresa c’è e si vede sia sul versante del Pil che dell’occupazione.

In questo quadro le famiglie avranno, anche per effetto di tredicesime più robuste, il budget più alto degli ultimi dieci anni, ma questo non sembra essere sufficiente a imprimere un’accelerazione ai consumi di dicembre”. Così il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, a commento dei dati diffusi dall’Ufficio Studi. “Le famiglie – ha continuato – useranno le maggiori risorse disponibili per mettere a punto i loro bilanci e magari un viaggio o una cena al ristorante in più, ma la spesa per i regali di Natale sarà in linea con quella dello scorso anno, 166 euro pro capite”. “La parola chiave per comprendere questo Natale sospeso tra la fine della crisi e una vera crescita è fiducia. Un ingrediente fondamentale che si può irrobustire solo in un modo: dare una prospettiva certa di riduzione delle tasse”, ha concluso il presidente di Confcommercio.

Tag:,

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*