RITORNO ALLE ORIGINI PER LA VECCHIA POSTA DI TOLLEGNO

Margherita Cantoni scommette sul territorio prendendo le redini di un’attività storica. Obiettivo? Tornare agli splendori di un tempo con una clientela giovane.

Affittasi, vendesi. Serrande abbassate, edifici fatiscenti. Un panorama desolante a cui abbiamo fatto l’abitudine, ma come i primi fiori di primavera che si fanno spazio nei terreni spogli e rinsecchiti dall’inverno, ecco nuove realtà alimentate dalla grinta e la positività di giovani imprenditori che scommettono ancora sul territorio biellese. Pazzi? Forse, ma ha un non so che di consolatorio scoprire che le nuove generazioni nutrono ancora la voglia di realizzarsi, di farcela con le proprie forze e di intraprendere carriere imprenditoriali, in barba ai tanti discorsi su fannulloni e posto fisso con cui i media ci affollano la mente. E questa visione, questa voglia di riscatto non riguarda solo grandi centri urbani, ma anche i piccoli comuni, un tempo meta di turisti e di passanti che qui trovavano ristoro e accoglienza. Come a Tollegno, per esempio, dove uno storico locale del centro negli anni addietro è stato un noto bar/trattoria con annesso servizio di affittacamere: “Mi piacerebbe tornare al successo di quegli anni, ridare un nuovo slancio all’attività ma senza dimenticare le sue origini.” Così La Vecchia Posta ha riaperto i battenti con una nuova personalità, a partire dal nome, che riprende quello storico risalente ai primi del 900.

Dopo varie gestioni, ora al comando c’è una giovanissima Margherita Cantoni, che dopo un importante restyling mira a diventare punto di riferimento per i giovani e gli amanti della buona tavola: “Idee ce ne sono tante e pian piano concretizzeremo tutto. Continueremo a dare importanza alle colazioni, proseguendo il lavoro intrapreso dalla precedente proprietaria, puntando su un caffè di qualità e su brioches farcite al momento. Ma faremo spazio anche agli aperitivi, organizzando qualche serata o piccolo evento. Da dicembre, inoltre, in pausa pranzo sarà attivo il servizio di trattoria e pian piano daremo una rinfrescata anche alle camere adiacenti per ripristinare il servizio di B&B”.

A soli 24 anni e con già diverse esperienze lavorative alle spalle, Margherita ha le idee chiare sulla sua professione, preferendo un’attività in proprio a un posto da dipendente, sempre a contatto con il pubblico (di cui non potrebbe fare a meno, dice): “La mia famiglia aveva un banco al mercato, quindi il lavoro e la fatica non mi spaventano”, commenta, “Creare qualcosa e investire in un proprio progetto è una strada che può portare a grandi soddisfazioni personali e sarebbe bello vedere sempre più giovani lanciarsi in questa direzione”.

Tra clienti abituali ed ex bambini che, cullati dal ricordo, tornano ormai adulti, da sabato scorso La Vecchia Posta ha rialzato le serrande, scommettendo sul sorriso di una giovane tollegnese che, aiutata da mamma e sorella, aspira a realizzare i propri sogni e i desideri di chi varcherà la sua porta.

Tag:, , ,

Comments are closed.