INTERNET DELLE COSE CONTRO LA DESERTIFICAZIONE COMMERCIALE

Innovazione, banda ultralarga e Internet of Things al centro di una nuova giornata di studio promossa da Anci regionale. Dopo il successo dell’incontro organizzato lo scorso mese di febbraio, questo secondo appuntamento ha analizzato e approfondito le tematiche già trattate, con un occhio di riguardo alle necessità del mondo imprenditoriale e ai rapporti tra questo e le istituzioni pubbliche. L’incontro organizzato da ANFoV (l’Associazione per la Convergenza nei Servizi di Comunicazione) ANCI e UNCEM regionali si è posto l’obiettivo di promuovere il confronto tra forze imprenditoriali e istituzioni su uno degli aspetti più delicati dello sviluppo ICT. Attraverso un uso sempre più intelligente della Rete e grazie a strumenti di connessione di ultima generazione, presto l’Internet delle Cose sarà in grado di tracciare una mappa del mondo reale dando un’identità elettronica alle cose e ai luoghi dell’ambiente fisico. Tutti gli oggetti potranno acquisire un ruolo attivo grazie al collegamento alla Rete e potranno inviare e ricevere informazioni, al fine di dare risposta tempestiva a problemi e necessità.

Presenti all’incontro il consigliere provinciale nonché sindaco di Pollone, Vincenzo Ferraris, e il Presidente di Ascom Biella Mario Novaretti, che sul tema dell’internet delle cose, collegato alla desertificazione commerciale, ha avviato da tempo un percorso di studio, di analisi, di valutazione e di intervento volto proprio a dare delle risposte concrete al territorio. Allo studio una sinergia di enti e di intervento sul tema.

Tag:, , , , ,

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*