IL MISTERO PROTAGONISTA A GAGLIANICO (fotogallery)

L’associazione Fucina Territoriale Biellese ha organizzato lo scorso Sabato 16 Marzo 2019, presso l’Auditorium di Gaglianico una conferenza dal titolo “I Predatori del Tempo Perduto”. “Evento realizzato con il Patrocinio del Comune di Gaglianico”. Un pomeriggio dall’alto profilo culturale, frutto di un sapiente lavoro di dialogo e di preparazione con i vari interlocutori, svolto dalla Fucina in questi mesi. Si ringrazia il Comune di Gaglianico e il Sindaco il dott. Paolo Maggia, per l’opportunità concessa di produrre Cultura nel territorio Biellese.

La conferenza è stata aperta e moderata dalla dottoressa Roberta Invernizzi, scrittrice e filosofa vercellese, da sempre impegnata nel mondo del sociale. La giovane presentatrice ha saputo portare il suo fascino e la sua bravura sul palcoscenico, mettendo a proprio agio i vari ospiti accompagnandoli con sapienti interventi.

La kermesse è stata introdotta dal monologo iniziale della poetessa Daniela Fresc, che con la sua voce possente, ha espresso un repertorio artistico di alto livello, impegnando i presenti in un ascolto attivo.

Ad accogliere pubblico e amici, il Presidente della Fucina Luca Stecchi, il quale ha portato il saluto di tutto il direttivo e a percorso a ritroso il primo lustro della nascita del sodalizio, soffermandosi sui momenti più significativi e sugli artisti prematuramente scomparsi con i quali la Fucina Territoriale Biellese a collaborato negli Anni. Al termine di questo interessante preludio Luca Stecchi si è calato nelle vesti di Poeta, leggendo una delle sue più belle poesie legate al Cielo.

A seguire, è stata la volta dell’artista Barbara Capizzi, cantante Biellese orgoglio melodico del nostro territorio e operatrice di in-canto prenatale e musica sensoriale. La giovane cantante si è cimentata nell’arco della serata in tre momenti di grande intensità e armonia. Barbara, era accompagnata dai maestri Dario Retegno al violino e Alessandro Barbi al pianoforte, eccellenze della nostra terra, che hanno dato dimostrazione della loro alta professionalità, incantando con le loro note tutti i presenti.

Dopo questo meraviglioso preludio musicale la conferenza ha preso vita con la presentazione di Fabrizio Salani ricercatore di tesori e collaboratore della rivista scientifica Hera Magazine. Salani, ha portato il pubblico nelle calde acque del mare Egeo alla scoperta di quello che molti definisco uno dei tesori più importanti dell’umanità, ovvero l’antico meccanismo di Anticitera. Una antica macchina forse il più antico calcolatore conosciuto datato tra il 150 e il 100 a.C. Un meccanismo dotato di ruote dentate che veniva usato come un astrolabio calcolando il sorgere del Sole, le fasi lunare i movimenti dei pianeti. Sul suo ritrovamento e sui meccanismi che lo compongono i sono state teorie controverse.

Secondo intervento scientifico della serata quello della dott.ssa Sara Garino, astrofica, docente e giornalista del noto giornale on line Civico 20 News di Torino. La giovane Astrofisica ha letteralmente accompagnato gli ospiti in un viaggio fra le galassie e il tempo astrale, con meravigliose diapositive, spiegando la nascita dell’universo e la sua evoluzione, declinando e soffermandosi sulla vita della nostra stella più vicina: il Sole.

redazione BiellaCronaca Pavignano

Tag:, , , ,

Comments are closed.