IL MERCATO DEI VELENI

La posizione di FIVA.

E’ stato l’argomento caldo dell’Amministrazione comunale nel mese di giugno quando, durante la commissione consiliare deputata all’esame della delibera sul riordino del mercato di Piazza Falcone, si sfiorò la rissa tra i consiglieri presenti e alcuni rappresentanti di una parte degli ambulanti.

La Giunta, su suggerimento dei gruppi che fanno parte del Consiglio,  propose il ritiro dell’atto invocando un ulteriore fase di studio. Adesso, a distanza di tre mesi e dopo la discussione preventiva presieduta dall’Assessore al Commercio, Stefano la Malfa, che ha illustrato le modifiche apportate alla delibera e al susseguente regolamento, recependo le proposte di Lega e PD in un clima di assoluta collaborazione politica, l’ambiente si surriscalda nuovamente.

Tutto nasce da un volantino distribuito da CONFESERCENTI e ANVA che convoca, di fatto, gli esercenti a un incontro pubblico sulla questione del ricompattamento mercatale.

Non si e’ fatta attendere la replica di FIVA (l’ Associazione di categoria che annovera il maggior numero di ambulanti n.d.r.) , per voce del suo rappresentante, Michelangelo Trotta, il quale sposa la linea adottata dall’Amministrazione Comunale di Biella: “la proposta che è stata discussa nella IV commissione comunale è quella più vicina alla volontà degli ambulanti stessi emersa, peraltro,  in occasione di più consultazioni. Possiamo capire che, giunti a questo punto, vi possa essere qualcuno a cui questa decisione proprio non piaccia e cerchi di innescare una polemica sterile e mirata a fermare il progetto deciso dall’assessorato ma non lo riteniamo un comportamento degno di chi vuole vestire i panni di rappresentante di categoria. Gridare  pubblicamente “al lupo, al lupo”  quando si sono disertate le due riunioni della IV commissione, che hanno rappresentato il luogo istituzionalmente corretto per sottoporre qualsiasi proposta alternativa, mi sembra tanto fuori luogo quanto inutile. Vogliamo solo puntualizzare che noi della FIVA CONFCOMMERCIO Biella, in quel contesto, c’eravamo”.

Dal Comune non emergono dichiarazioni ufficiali da parte dell’Assessore La Malfa che preferisce continuare a lavorare nella direzione che porti ad una soluzione che venga incontro alle esigenze della maggior parte degli ambulanti possibile e si limita a dire: “e’ normale che si valuti di rilasciare nuove concessioni dopo vari lustri che la cosa non viene fatta. Un mercato con piu’ operatori qualificati e’ un mercato piu’ attrattivo sia per i clienti che per gli operatori stessi.”.

Tag:, ,

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*