IL 23 MAGGIO LA CONFERENZA DI VITTORIO NATALE SUL RINASCIMENTO

La mostra Il Rinascimento a Biella è stata occasione per raccogliere i risultati di anni di studi sulla personalità di Sebastiano Ferrero, mettendo a fuoco gli stretti intrecci che caratterizzano la sua straordinaria carriera politico-finanziaria e il suo ruolo come committente d’arte. La mostra ha permesso al tempo stesso nuovi approfondimenti e nuove scoperte ad ampio raggio, fra Roma, Milano, Torino e il Biellese.

La conferenza di Vittorio Natale prenderà avvio da alcune di queste novità che riguardano in particolare il Biellese e Torino e che aprono nuove prospettive di ricerca, stimolate dall’evento espositivo in corso. Per la prima volta è stato riconosciuto con certezza un intero soffitto ligneo dipinto, fatto eseguire da Sebastiano per la sua casa al Ricetto di Candelo e rimontato in una dimora privata a fine Ottocento. Al Castello di Gaglianico sono state inoltre individuate campagne decorative ancora totalmente inedite e particolarmente significative. Qualche indizio ha permesso infine di aprire nuove tracce di ricerca sulle cappelle di Sebastiano a Torino e sulla dimora in città del Generale delle Finanze, una dimora tanto importante da ospitare nel 1515 il fratello di Leone X, Giuliano de’ Medici, giunto nella capitale sabauda per prendere in moglie Filiberta, la figlia di Filippo II di Savoia. In questo quadro prende forma la figura di un committente pronto ad aggiornare il proprio gusto nel tempo e orientare le proprie scelte a seconda delle circostanze, dei tempi e dei luoghi in cui si trovò ad operare.

Tag:, , ,

Comments are closed.