GOLF, A LE BETULLE 47ESIMA POSIZIONE PER FILIPPO VALZORIO, GUIDA L’INGLESE GOUGH A -5 DAL PAR

Il campione uscente Martin Vorster è 17° con 74 (+1). I due giovani arrivati dalle Seychelles hanno chiuso le 18 buche con 99 e 107 colpi.

Si è ben difeso il quattordicenne del Golf Cavaglià Filippo Valzorio che con discreta regolarità (peccato per il doppio bogey al par 3 della buca 5) ha consegnato una carta di 78 (+5) e si trova in 47esima posizione in linea con il taglio. Guida la classifica l’inglese Conor Gough con 68 (-5) seguito ad un colpo dal sudafricano Kian Luke Rose. Ha preso il via al GC Biella Le Betulle l’evento che vede in campo 144 promesse del golf mondiale. Con Reply al fianco dei giovani talenti nel ricordo di Teodoro Soldati.
Una bellissima giornata di sole ha accolto al Golf Club Biella Le Betulle le promesse del golf mondiale impegnate nella prima giornata della 12esima edizione del Reply Italian International Under 16 Championship Teodoro Soldati Trophy.
Dopo le 18 buche iniziali, che hanno visto in azione 144 giocatori (il solo Lorenzo Pisani non è partito per un indisposizione), guida la classifica il grande favorito inglese Conor Gough (già 2° a Biella da tredicenne nel 2016) che ha appena vinto il prestigioso Boys Amateur Championship conquistando la convocazione per l’ambita Junior Ryder Cup. Gough, imperturbabile alla pressione, ha chiuso con il brillante score di 68 (-5) costellando la sua carta di cinque birdie e nessun bogey.
Ad un solo colpo dal leader con 69 (-4) il sudafricano Kian Luke Rose che ha finito le ultime tre buche con due birdie avvicinandosi alla vetta e domani proverà ad insidiare il capoclassifica.
In terza posizione con 70 (-3) ci sono gli azzurri Giancarlo Sari e il campione nazionale Cadetti Matteo Cristoni. Particolarmente contento della sua prestazione il quindicenne portacolori di Monticello Sari: “Sono molto soddisfatto di questo primo giro – ha detto Giancarlo che è seguito dal maestro Andrea Bascio e si è avviato al golf a 8 seguendo il padre sui fairway dell’Olgiata -. Sono stato molto regolare facendo un solo bogey alla buca 12 e poi quattro birdie alla 1, 7, 10 e 14. Il campo mi piace, avevo già giocato lo scorso anno mancando il taglio per un colpo, domani proverò a giocare uguale e poi vediamo”.
Sempre con 70 appaiato al 3° posto il tedesco Luc Breuer. Appena dietro con 71 (-2) l’inglese Max Hopkins.
Hanno girato sempre sotto par con 72 (-1) i sudafricani Yurav Premlall e Casey Jarvis.
Seguono in par (73) gli altri due azzurri Luigi Federico Magni e Lucas Nicolas Fallotico.
Inizio sulle montagne russe per il campione uscente Martin Vorster che è 17° con 74 (+1) con sette bogey, un eagle (alla buca 7) e quattro birdie.
I migliori delle partenza del mattino con lo score di 73 (par) erano stati il russo Egor Eroshenko, l’irlandese Keaton Morrison e il giordano di Londra Shergo Al Kurdi. Ultimo posto per i due portacolori delle Seychelles (che hanno beneficiato di due wild card) Adrian Andrade (99) e Hugo Eichler (107).

Quest’anno il campo di partecipazione prevede un field allargato a 144 posti suddivisi tra 74 stranieri (selezionati in base all’handicap), 62 italiani (secondo l’ordine di merito nazionale) e 8 wild card, mentre è immutata la formula di gioco che prevede la disputa di 72 buche stroke-play con taglio dopo i primi due giri. Saranno invece i primi 50 della classifica più gli eventuali pari merito che parteciperanno alle 36 buche finali in programma nella giornata conclusiva di giovedì. In palio oltre al titolo individuale ci sarà anche il Nations’Trophy che verrà assegnato domani a conclusione della seconda giornata e dove la classifica parziale è guidata dall’Inghilterra.
Confermando i numeri importanti delle precedenti edizioni, alla manifestazione sono risultati preiscritti 182 giovani giocatori di 20 nazioni (Italia, Sudafrica, Inghilterra, Germania, Galles, Svezia, Russia, Irlanda, Norvegia, Scozia, Svizzera, Danimarca, Giordania, Corea, Olanda, Belgio, Austria, Francia, Slovenia e Seychelles).
La manifestazione è dedicata a Teodoro Soldati (vincitore a Le Betulle nel 2014), grande promessa del golf azzurro tragicamente scomparso nel luglio del 2015.
Partner dell’evento è Reply, multinazionale leader sui nuovi canali di comunicazione e i media digitali.
L’ingresso al club (posizionato nel comune di Magnano sulla statale che collega Biella ad Ivrea) per tutta la durata della manifestazione sarà libero e gratuito.

Live scoring e Facebook
Tra le novità da segnalare la digitalizzazione del sistema live scoring che consentirà tramite un app aggiornamenti in tempo reale dei risultati del torneo ogni 3 buche. Per seguire i risultati in diretta della gara di tutti i partecipanti gli interessati non dovranno far altro che collegarsi al sito del G.C.Biella (www.golfclubbiella.it). Aggiornamenti sulla manifestazione saranno visibili sulla pagina Facebook del Golf Club Biella Le Betulle.

conor gough

Tag:,

Comments are closed.