GINEVRA BAZZANI, IDEE CHIARE IN TESTA. ECCO LA SUA STORIA

Ha iniziato a giocare a volley tre anni fa e ora è titolare in serie D. Il futuro gli sorride ma lei per ora non vuol sentir parlare. Vuole diventare medico.

Ha le idee chiare in testa, vuole diventare un medico, chirurgia o ginecologia i rami preferiti. Ma ora gioca a volley e in tre anni c’è stata un’evoluzione importante che ha portato Ginevra Bazzani, 16 anni studentessa al secondo anno del Liceo Scientifico, ad arrivare in serie D e conquistarsi il posto di titolare. Attaccante nel gioco e nella vita, studia, si allena, frequenta gli amici ma non disdegna di restare a casa con la sua famiglia e le piace mangiare molto. E da questo punto si inizia a capire la particolarità di Ginevra. Carina, simpatica, estroversa ma con le idee ben precise in testa, come abbiamo scritto poc’anzi. Nonostante la sua giovanissima età. E questo ci ha portati a conoscerla meglio. Così l’abbiamo intervistata e ora scriviamo quello che lei ci ha raccontato. La sua storia dice che da piccola ha sempre praticato qualche sport ma è arrivata alla pallavolo da adolescente. “Ho iniziato a giocare a volley a 12 anni, un po’ tardi lo so ma prima praticavo lo sci, uno sport individuale. Con la scuola non riuscivo a fare tutto, era diventato troppo impegnativo e quindi ho deciso di darmi al volley. Sarei dovuta andare ad allenarmi non solo a Bielmonte ma in Valle d’Aosta, era molto stancante e senza contare le gare nel weekend. E così pur di non rimanere ferma ho scelto la pallavolo. In realtà avevo provato a giocare a volley già in quarta elementare, solo che non mi trovavo, pensavo di non essere capace. Poi in prima media giocando in spiaggia mi sono sentita dire di essere portata, anche per via dell’altezza. Ci ho creduto veramente ed ora eccomi qui“. Due sport completamente diversi uno da protagonista solitario l’altro insieme a tutto il resto del gruppo. “Infatti all’inizio giocavo per me stessa perché, arrivando appunto dallo sci, ero abituata a dare il meglio e pensare solo a me stessa. Poi ho capito che le cose erano diverse e dovevo pensare anche alle persone vicino. Dovevamo essere un gruppo omogeneo per poter far delle belle cose”. E così ha quasi “bruciato” le tappe diventando in pochi anni una buona giovane giocatrice e soprattutto conquistando il salto di livello in serie D, una campionato regionale. “L’anno scorso giocando in under 16 e prima divisione non mi aspettavo di salire di categoria quest’anno. All’inizio è stata dura ambientarsi con le nuove compagne, oltre al livello di gioco che si era alzato. Adesso mi trovo bene e sono contenta. Mi sento cresciuta fisicamente e mentalmente, non gioco più solo per sfondare e fare punti su punti, uso la testa quando serve”. A questo punto vista la passione messa in campo da Ginevra viene spontaneo chiederle se cambierebbe qualcosa in questi anni di sport. “Il volley mi è entrato dentro, è pura passione. Sicuramente se riavvolgessi il nastro inizierei prima a giocare”. Ma in una vita di una 16enne non esiste solo lo studio, lo sport, gli amici, per Bazzani tutto ha il suo spazio e in testa ha un puzzle ben preciso per il suo futuro. “Non ambisco ad arrivare a grandi livelli perché la pallavolo è un divertimento, uno svago e un hobby. Se dovesse capitare, non credo però, ora come ora questo discorso mi spaventa un pochino. Adesso mi piace pensare ad un lavoro, voglio diventare un medico. Se dovessi diventare professionista nel volley questo non sarebbe compatibile. Vedremo. Mi piacerebbe riuscire ad entrare al corso di medicina. A me piacciono le scene cruente, il chirurgo quando opera ad esempio, gli interventi a cuore aperto, tipo la serie televisiva Grey’s Anatomy”. Idee chiare di una ragazza che a 16 anni sa cosa vuole o meglio sa qual è il suo sogno preferito. Una cosa ci incuriosisce ancora, all’inizio Ginevra ha detto che le piace mangiare. Ma cosa? “Secondo le mie amiche le balle di toro però sono una buona forchetta con la carne in generale, tipo fiorentina o grigliata. Le mangio sempre volentieri”.

Fulvio Feraboli

Tag:, , ,