GAFFE DI BAGLIONI A SANREMO: “NON FAREMO UN RADUNO DEGLI ALPINI”. LE PENNE NERE BIELLESI NON CI STANNO

Non ci stanno gli alpini a questa frase che in un festival della canzone italiana non centra proprio nulla.

“Non faremo un raduno degli alpini. Cercheremo di fare uno show incentrato sulla musica”. Le parole del direttore artistico, Claudio Baglioni nel suo intervento in conferenza stampa del Festival di Sanremo, hanno suscitato il giusto risentimento da parte di chi ha servito con orgoglio il corpo glorioso degli Alpini. Le reazioni sono state tante sopratutto sui social, il viatico per eccellenza espressione immediata del proprio pensiero. Anche il presidente della sezione di Biella, Marco Fulcheri in un post ha scritto “non ti curar di lui ma alpini cambiamo canale”.  E con queste parole significative ha chiuso eventuali polemiche ma anche con il Festival. E’ chiaro che la frase non è stata felice come è sacrosanto trovare un nesso logico tra il corpo degli Alpini e il Festival di Sanremo. Insomma, come si dice in tante occasioni, il buon Claudio Baglioni ha “forato un gomma” o se preferiamo “ha fatto il classico uovo fuori dal cesto”. E se vogliamo rincarare la dose, gli Alpini non si ritrovano in raduni ma adunate il che è ben diverso. Chi conosce l’associazione sa la differenza. “No comment, mi sembra la migliore risposta per non fare pubblicità ulteriore”. La risposta del presidente degli Alpini di Biella, Marco Fulcheri è lapidaria dimostrando di essere all’altezza della situazione senza polemizzare troppo sullo spiacevole accaduto. A questo punto è auspicabile che qualcuno faccia presente al direttore artistico del Festival della canzone italiana la sua gaffe, consigliandolo in un ritorno sulla gaffe con una sua spiegazione chiara dell’accaduto. Magari anche delle scuse. Questo passo potrebbe significare la stretta di mano virtuale tra lui e tutte le Penne Nere italiane.

Fulvio Feraboli

Tag:, , , , ,

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*