EDUCAZIONE AL CONSUMO CONSAPEVOLE E SOSTEGNO AI PRODOTTI ETICI. LA PROPOSTA NOVA COOP

Educare al consumo consapevole, incoraggiare l’agricoltura biologica e di qualità sostenendo le realtà produttive etiche per opporsi all’economia mafiosa. Sono questi gli obiettivi che Nova Coop, cooperativa leader in Piemonte nella grande distribuzione organizzata, assume e ribadisce nel mese di marzo, tradizionalmente dedicato al tema della legalità. Uno slancio che si concretizza anche nella partecipazione dei Soci Coop alla marcia organizzata da Libera Piemonte, in programma il 21 marzo a Novara, in occasione della XXIV Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, data per la quale Libera ha aggiunto i punti vendita Nova Coop nell’elenco dei 1000 luoghi che ricordano il 21 marzo.Secondo stime recenti le filiere “sporche” coinvolgono ancora 400.000 lavoratori in Italia, l’80% dei quali è rappresentato da stranieri. Il volume d’affari della criminalità organizzata nell’agricoltura e nei settori collegati si aggira attorno ai 24,5 miliardi di euro (fonte: VI Rapporto Agromafie 2018) con un incremento del 12,4% rispetto al 2017. Coop – che identifica nel rispetto delle leggi, della dignità umana e nella trasparenza i propri valori fondanti – ha lanciato nel 2016 la campagna “Buoni e Giusti”, volta a promuovere l’eticità delle filiere produttive a rischio di illegalità e più frequentemente interessate da episodi di sfruttamento dei lavoratori. Nel 2018 la campagna ha coinvolto 528 aziende agricole e 220 fornitori del prodotto a marchio Coop attraverso 1.700 ispezioni. Tre aziende sono state sospese per gravi problemi di sicurezza, ostilità ai controlli e per presunto caporalato. Le filiere più a rischio sono quelle degli agrumi – in particolare arance e clementine – tanto che nel 2019 Nova Coop ha scelto proprio l’arancia come simbolo della lotta alle agromafie mettendo in vendita anche agrumi delle cooperative siciliane e di Libera Terra che operano sui terreni confiscati alla criminalità organizzata. Inoltre nel mese di marzo si tiene nei punti vendita Nova Coop la Festa del G(i)usto: iniziativa che prevede la promozione sui prodotti di Libera Terra perché “sono più forti i profumi, i sapori e le emozioni di una terra veramente libera”. L’agricoltura, la produzione ortofrutticola e lo sfruttamento dei lavoratori rappresentano una cospicua fonte di guadagni per la criminalità organizzata – dichiara Enrico Nada, Responsabile Politiche Sociali di Nova Coop – per questo il nostro impegno è rivolto sia all’educazione dei giovani alla legalità, sia al sostegno di quelle filiere virtuose che operano in contesti difficili sottraendo spazi alle mafie. Riteniamo che coinvolgere oggi i giovani in questa lotta sia la strada migliore per avere domani dei consumatori consapevoli, capaci di scegliere prodotti etici, legali e rispettosi della dignità umana per contenere la piaga del crimine organizzato. In questo mese vogliamo ribadire e rilanciare il nostro impegno per la legalità attraverso diverse iniziative e prendendo parte alla marcia in memoria di chi ha sacrificato la propria vita per combattere la mafia>.

Tag:, , ,

Comments are closed.