CONFCOMMERCIO: I DATI ANCHE SE POSITIVI PREOCCUPANO

“Con una crescita leggermente migliore delle nostre previsioni (+0,2% la stima provvisoria contro la previsione di +0,1% congiunturale) si conferma la rappresentazione della condizione dell’economia italiana come stagnante piuttosto che recessiva”. Questo il commento dell’Ufficio Studi Confcommercio alla stima del Pil nel primo trimestre diffusa dall’Istat. Nessun elemento problematico viene modificato dall’ultimo dato – prosegue l’Ufficio Studi – la crescita è inesistente e la ripresa va conteggiata su decimi e centesimi di punto percentuale. Per averne piena contezza è sufficiente confrontare la variazione tendenziale del prodotto italiano rispetto a quelle registrate per l’euro-area e l’Europa a 28: +0,1% rispetto a +1,2% e +1,5%. “Quanto al mercato del lavoro – conclude la nota – le indicazioni sono comunque positive e testimoniano una certa reattività, ancorchè debole, del sistema produttivo. Dopo 10 mesi, infatti, l’occupazione torna a crescere in misura apprezzabile. Ne sono coinvolti i giovani e anche gli indipendenti”

Tag:, , ,

Comments are closed.