COMMUNITY SCHOOL CON 400 PROPOSTE

È il tempo della semina per il progetto Community School, che ha coinvolto 47 partner sul territorio biellese per arricchire l’educazione di bambini e ragazzi. La maggior parte dei frutti maturerà a partire da settembre, in concomitanza con l’inizio del nuovo anno scolastico: il calendario di laboratori, incontri ed eventi è pronto ed è un lungo elenco di 400 proposte. Qualcuna, dal centro estivo montessoriano all’Oasi Zegna al Wood School, volto a migliorare le competenze “Steam” (scienza, tecnologia, progettazione e matematica), è già in cartellone per l’estate. Altre si sono già svolte, come i laboratori legati alla mostra Padre e Figlio dedicata alla famiglia Pistoletto o l’incontro tra arte e natura tra Roppolo e Viverone. Ma la maggior parte delle attività avrà luogo nei prossimi mesi.

Il progetto e i suoi partner stanno comunque plasmando l’offerta formativa e costruendo le linee guida perché il lavoro di enti e associazioni coinvolti sia omogeneo. Un punto rilevante è la cosiddetta valutazione d’impatto: per il progetto Community School sarà Aiccon, centro studi promosso dall’università di Bologna, dall’Alleanza delle cooperative italiane e da numerose realtà pubbliche e private che si occupano di economia sociale, ad analizzare quanto le attività dei partner riusciranno a incidere sull’obiettivo, ovvero fornire ai minori più strumenti per crescere e costruire il loro futuro.

Gli esperti di Aiccon hanno incontrato nei giorni scorsi i partner di Community School, i quali a loro volta hanno proseguito la “semina” attraverso gli incontri dei tavoli metodologici. Il loro lavoro è mirato a dare omogeneità al modo di lavorare di tutte le realtà coinvolte, creando un vero fronte comune per la buona riuscita del progetto

Tag:,

Comments are closed.