CLAUDIOCORRADINOGENTILE

Ci siamo. Dopo tre mesi di campagna elettorale, un cartesio di volantini elettorali che lunedì riempirà i bidoncini gialli in ogni casa, gli ultimi quindici giorni che via Italia si faceva a slalom nascondendo la faccia con il cappuccio per non dover salutare tutta la corte dei due candidati a Sindaco di Biella ecco che Claudio Corradino e Dino Gentile si sfidano nel ballottaggio finale.

Consentitemi di dire finalmente.

Come andrà è difficile prevederlo : molti i dubbi che non consentono un pronostico attendibile.

Primo dubbio : dove andranno i voti dati a Cavicchioli al primo turno ? La fretta con la quale due tra i principali esponenti del Pd, Susta e Barazzotto, hanno invitato gli elettori del sindaco uscente a svoltare verso Gentile può essere un arma a doppio taglio. Infatti se sommiamo i voti di Cavicchioli a quelli di Gentile questo supererebbe Corradino, ma il secondo turno è una partita diversa dal primo turno, basata sulle persone e meno sulla politica per cui alcuni elettori di sinistra, nello scopo di punire fino in fondo il cattivo lavoro della giunta uscente e le ambiguità del ‘cerchio magico’, potrebbero invece dare credito a Corradino per paura, dopo averli cacciati dalla porta, di vedere rientrare dalla finestra i componenti del partito che una volta era di sinistra e che dal governo centrale a scendere a Biella hanno fatto politica di destra.

Secondo dubbio : l’incidenza della politica, come la presenza di Salvini tra poche ore a Biella ci sarà ? Anticipo alle ore 18,30, a due ore e mezza dal comizio del Ministro dell’Interno in via Valle d’Aosta, che questi approfitterà del tragico episodio di cronaca accaduto appena al di là dell Serra e che ha visto un tabaccaio uccidere un ladro, per sostenere la causa leghista. Facile previsione. La maionese si prepara sbattendo tuorlo d’uovo, aceto, olio aggiunto a filo e alla fine del succo di limone : se si sbatte troppo la maionese impazzisce. Questo sta rischiando Salvini : troppa presenza in tv, troppe aspettative, promesse, slogan. A furia di sbattere la salsa potrebbe impazzire e Biella, laboratorio politico sotto molti aspetti, potrebbe essere il primo segnale della maionese impazzita: è una città che non ama i toni troppo accesi e volgari, celebre per la sua discrezione e pacatezza.

Terzo dubbio : siamo proprio sicuri che l’8 /10 per cento di Forza Italia in Biella voterà in massa Corradino ? In fondo Gentile, Robazza, Apicella, Foglio Bonda da lì arrivano. Lì hanno ancora amici e Lega e Forza Italia in città non si vedono proprio con incondizionata fiducia.

Quarto dubbio : nell’analisi avanza l’8 per cento dei Pentastellati e di Rinaldi. Non ha dato indicazioni di voto, ma se, vista l’alleanza al governo nazionale con la Lega sembrerebbe di logica Corradino un alleato, proprio ai nostri microfoni durante la diretta streaming del primo turno ha detto che i contratti si possono rescindere e che farebbe bene al Movimento rescindere quello fatto con la Lega.

Quinto dubbio : tra Corradino e Gentile chi è più carismatico ? Se nel primo dibattito tv a sei candidati (dei quali uno, di Casapound, non avrebbe dovuto esserci) Corradino sembrò impacciato in quello a due di mercoledì è apparso più convicente di Gentile che però tra le classi medio borgehsi e altolocate della città è considerato molto.

Insomma si prevede un testa a testa fino all’ultimo voto che noi di biellacronaca seguiremo in diretta streaming su questo sito dalle 23 fino alla proclamazione del vincitore.

Buona fortuna a tutti e due i candidati.

Tag:,

Comments are closed.