L’AMAREZZA DI UN LETTORE SUL CASO DEL FORNO CREMATORIO

Riceviamo e pubblichiamo:

Buon Natale anche ai Ravetti, Buon Natale! Si! Buon Natale anche a voi e a tutti i vostri familiari e dipendenti.

Un Natale purtroppo per voi e noi non “qualunque” di una famiglia, la vostra, unita anzi molto “riunita” e come tutte le famiglie di questo tipo con fede Cristiana sono certo che nel focolare dimestico celebrerete il Natale in modo sobrio ma con presepe, alberello ed addobbi con luci e lucine e tante palline colorate e una stella lassù che veglia su tutti noi e voi.

Dopo aver appreso della scarcerazione del Sig. Alessandro Ravetti. quanto pare in virtù di un “fatto tecnico” dopo l’ultimo interrogatorio, vorrei augurare a tutti i detenuti e soprattutto a voi un Buon Natale, perché purtroppo per voi anche quest’anno lo passerete in carcere lontano dalle vostre famiglie a differenza del Sig. Ravetti, ma lo farete con molta dignità, quella dignità che certi uomini non hanno e non avranno mai.

A Natale il prezzo di tutti i beni ed anche della libertà di poterli acquistare parrebbero essere molto costosi e ho appreso dei due nuovi indagati e cioè moglie e padre a cui insieme ai figli ed ai propri dipendenti e’ destinata questa lettera.

A Natale, siamo o dovremmo essere tutti più buoni e guardare al futuro con rinnovata speranza perciò non importa se il Sig. Alessandro Ravetti non ha avuto materialmente il tempo di preoccuparsi dei regali aveva altre cose a cui pensare ma ciò nonostante lo farà in questi giorni tenuto conto però che il suo regalo di Natale più grande egli lo ha già ricevuto e contestualmente egli ha fatto un regalo a tutta la sua famiglia che certamente lo ringrazierà e sarà lieta della sua viva presenza durante tutte le festività Natalizie ed ed in particolar modo suo padre, sua moglie e suo fratello che condivideranno con lui come da tradizione ed accade per tutte le famiglie, Ivi compresa la mia, il calore prodotto dell’affetto e dalla più profonda condivisione di intenti, del cibo e di quei momenti e sentimento di umana “fratellanza” e di associazione di intenti per il presente e prossimo futuro.

Che dire, a Natale grandi e piccini si rivolgono al Presepe, al bambin Gesù e sono certo che lo farà anche il Sig.Alessandro Ravetti e tutta la sua famiglia ma purtroppo per me il desiderio ed il regalo più bello che avevo chiesto a Babbo Natale l’hanno scorso non si e’ avverato e mia sorella e’ morta dopo una lunga malattia ed e’ stata a voi affidata per la “cremazione”, la vita come voi ben saprete è’ il regalo più grande che Dio e Babbo Natale possono donarci.

Per il pranzo di Natale in cui avrete modo come tutte le famiglie di condividere il cibo, non so voi ma io avrei pensato a qualcosa di poco ostentato e frugale e vorrei cucinare un tacchino intero cotto al forno e non disossato e condito con spezie che ne facciano risaltare e diano un leggero sapore amaro, pungente ma a chi piace e’ molto gradevole e poi un vino “veritas” ed il dolce (panettone Cervo) e poi il “pacco” anzi i “pacchi” ricevuti e dati frutto di duro ed intenso lavoro, tutti da scoprire perché non si conosce la natura di ciò che è’ contenuto al proprio interno fino a quando non li si aprira’ e non è’ forse bellissimo tutto ciò?

La meraviglia, la scoperta di qualcosa che non si conosce ma che verrà alla luce e stupirà tutti noi, e’ meravigliosa ed io sono in trepidante attesa come un bimbo felice per tutto ciò che accadrà perché converrete con me che è’ pur vero che non ci e’ dato conoscere il nostro destino ma per alcuni di noi però non è’ poi così difficile intuirlo.

Perche’ come dico sempre ai miei figli Babbo Natale esiste ma solo per chi vuole crederci fino infondo e porta i doni solo ai bambini buoni e non ai cattivi perché ai cattivi arriverà come dono solo il carbone, di colore simile alla cenere, indigesto.

Buon Natale a tutti voi, ai buoni, ai cattivi e agli uomini di buona volontà.

Massimo Tescari

Tag:, ,