ANTONIO GRILLI: “FACCIAMO SQUADRA PER I SAPORI DEL TERRITORIO”

L’idea: dare risalto ai prodotti locali attraverso poche e semplici ricette condivise.

Si può dare di più, cantavano Morandi – Ruggeri – Tozzi. Parole che molte volte sentiamo ripetere nella nostra provincia, dove la polemica è sempre in agguato e, talvolta, manca la voglia di darsi da fare. Parole che accompagnano i commenti ad eventi, progetti ed interventi organizzati in città, senza risparmiare nemmeno tematiche più delicate quali l’economia e il rilancio del nostro territorio. A tale proposito, sono molti gli imprenditori locali, ad esempio, che si dicono ben disposti a collaborare, a fare rete per sviluppare un discorso turistico, “Ma da dove cominciare?”. Oggi vogliamo dare risalto proprio ad un’idea, ad uno spunto interessante che arriva da un ristoratore cittadino, Antonio Grilli, titolare dell’omonimo locale, il quale immagina un servizio tutto biellese da offrire ai commensali del suo e degli altri ristoranti della zona: “Per ottenere risultati importanti è fondamentale il gioco di squadra: dunque perché non puntare su un’offerta unica e condivisa che metta in risalto le eccellenze locali? Scegliere di servire solo acqua,  birra e vino delle aziende del territorio, tanto per cominciare. E poi si potrebbero mettere a punto un paio di piatti realizzati con prodotti tipici, cucinati e serviti in tutti i locali allo stesso modo e ad un prezzo concordato. Una strategia simile, oltre a mettere in risalto le nostre eccellenze enogastronomiche, darebbe un input all’economia locale, offrendo a tutti la possibilità di crescere e di trarre beneficio”.

Oggi il biellese sta puntando molto sull’enogastronomia, con eventi ed iniziative ad hoc che ottengono risultati incoraggianti, ma per un territorio da sempre votato all’industria occorreranno tempi lunghi per assistere ad un vero e proprio cambiamento globale (di mentalità, innanzitutto): “Bisogna avere voglia di investire e di mettersi in gioco, in primis da parte delle istituzioni e dalle associazioni di categoria”, conclude Antonio, “Partecipare alle fiere di settore, ad esempio, è fondamentale per far conoscere i prodotti locali al resto dell’Italia e del mondo. Non esiste vetrina più importante e sarebbe bello un giorno trovarvi anche una partecipazione massiccia da parte delle aziende biellesi”.

A. C.

*Foto Pixabay/rawpixel

Tag:, , ,